Questo sito utilizza diversi tipi di cookie, sia tecnici sia quelli di profilazione di terze parti, per analisi interne e per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze manifestate nell'ambito della navigazione.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Se chiudi questo banner o prosegui la navigazione acconsenti all'uso di tutti cookie.

| |

Spazio libero per la tua pubblicità,
contattaci »


Mettete un segnalibro a questa risorsa! (è sufficiente andare sul logo per vedere il nome del servizio):


BlinkList: AssistentiSociali.org Blogger: AssistentiSociali.org Bloggers: AssistentiSociali.org Blogrolling: AssistentiSociali.org co.mments: AssistentiSociali.org Connotea: AssistentiSociali.org
Del.icio.us: AssistentiSociali.org De.lirio.us: AssistentiSociali.org Digg: AssistentiSociali.org Furl: AssistentiSociali.org Google: AssistentiSociali.org LinkaGoGo: AssistentiSociali.org
Ask Italia: AssistentiSociali.org YahooMyWeb: AssistentiSociali.org Ma.gnolia: AssistentiSociali.org Onlywire: AssistentiSociali.org Segnalo: AssistentiSociali.org Smarking: AssistentiSociali.org
Slashdot: AssistentiSociali.org Taggly: AssistentiSociali.org Technorati: AssistentiSociali.org Windows Live: AssistentiSociali.org Facebook: AssistentiSociali.org

Una nuova risorsa per gli assistenti sociali: una raccolta di siti selezionati, legati al mondo del sociale e divisi per categoria.

SocialDIR
Segnala gratis il tuo sito!

Scopri come seguendo questo link »
petizione per la tutela dell'immagine pubblica degli assistenti sociali

AssistentiSociali.org si fa promotore della petizione per la tutela dell'immagine pubblica degli assistenti sociali. Invitiamo tutti gli ospiti del sito a visitare la sezione relativa seguendo questo link.


Partner

I.T.A. Solution

Licenza del sito

Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.5 License.

Questo sito adotta la Creative Commons License, salvo dove espressamente specificato. Per maggiori informazioni consulta la pagina Copyright.

NEWSLETTER

Ultimi inserimenti nel Blog

Ultimi inserimenti nel Forum

Libri di servizio sociale

RSS

Ricerca sul web

Novità, Avvisi, Utilità

La comunicazione col malato di Alzheimer

Comprendere ed essere compresi...

La comunicazione costituisce l’essenza di ogni esperienza umana: non riuscire più a capire gli altri e non riuscire più a farsi capire si rivelano gli elementi più disastrosi della malattia di Alzheimer.

Non riuscire più a capire... il malato inizia ad avere difficoltà a seguire le conversazioni rapide e complesse, soprattutto se l’ambiente è rumoroso. Si allontana spesso dall’argomento e quando vi sono delle direttive chiare nel dialogo spesso fa fatica a seguirle. Comprende però gli ordini scritti e può decodificare molto bene i gesti e le espressioni del viso.

Non riuscire più a farsi capire... inizialmente il malato ha dei problemi a pensare a quello che vuole dire. È più lento ad esprimersi, si ripete spesso, dimentica alcune parole o le sbaglia.
A poco a poco le parole si cancellano dalla memoria: non trova più il nome degli oggetti... ma ne sa descrivere il suo utilizzo!
Parla in modo più lento e ripetitivo, parla con meno frequenza, fino ad arrivare a non parlare più.

Che cosa fare?

  1. Cercate di mantenere il contatto con lui/lei per evitare che si isoli sempre di più.
  2. Non dite mai in anticipo "tanto non capirà!"... talvolta può cogliere l’idea principale o riconoscere il significato di una determinata parola: potreste ferirlo/a e non parlate mai come se non fosse presente!
  3. La comunicazione con una malato di alzheimer implica tanto il linguaggio verbale che quello non verbale. Anche se non comprende il significato delle parole, rimane sensibile al clima affettivo che si sviluppa nell’interazione. Se sente di aver fiducia comunica più facilmente.
  4. Non parlategli come a un bambino! Non facilitate la comprensione...
  5. Parecchi mezzi vi permettono di aiutare la persona a comprendere ciò che volete comunicargli:
    • Eliminate i rumori inutili come la radio o la televisione
    • Muovetevi lentamente e mettetevi di fronte a lei. Se è seduta, sedetevi per essere alla sua altezza. Stabilite un contatto visivo, toccatelo dolcemente e pronunciate il suo nome sorridendo
    • Se la persona non vuole parlare non sforzatela... fatelo di nuovo qualche minuto più tardi
    • Parlate lentamente, in modo calmo e dolce conservando il contatto visivo il più a lungo possibile (se usate il tono della voce alto può pensare che siate in collera)
    • Non cambiate improvvisamente argomento di conversazione. In questo modo eviterete di confonderlo. Se volete cambiare argomento diteglielo prima di iniziare: "adesso ti voglio parlare di un’altra cosa..."
    • Fatele un solo discorso per volta: la sua memoria gli impedisce di ascoltare diverse informazioni allo stesso momento
    • Usate delle frasi corte e delle parole semplici, evitando le spiegazioni lunghe "ti porto dal parrucchiere per farti tingere i capelli, tagliarli e fare la piega perché non sei più andata da due mesi e sei più carina quando sei ben pettinata". Ditele piuttosto: "ti porto dal parrucchiere!"
    • Quando è possibile farlo, utilizzate degli oggetti per comunicare: per esempio se volete portalo a passeggio chiedeteglielo mostrando il capotto
    • Fate sempre domande precise: "vuoi che accenda la luce?"
    • Utilizzate domande di risposta limitata: non elencate ad esempio una lunga lista di bevande da bere
    • Evitate il linguaggio figurato: non dite ad esempio "salta nella vasca da bagno!"
    • Riformulate il messaggio se non l’ha capito rispettando il suo tempo per capire. Evitate ogni tipo di pressione...
    • Evitate di interrompe quando parla
    • Cercate di cogliere l’emozione che si nasconde sotto le parole stando attenti alle espressioni del suo viso


A cura di:
Stefania Ferreri
Creation date : 2006-11-13 - Last updated : 2010-01-17

Spazio libero per la tua pubblicità,
contattaci »