Questo sito utilizza diversi tipi di cookie, sia tecnici sia quelli di profilazione di terze parti, per analisi interne e per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze manifestate nell'ambito della navigazione.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Se chiudi questo banner o prosegui la navigazione acconsenti all'uso di tutti cookie.

| |

Spazio libero per la tua pubblicità,
contattaci »


Mettete un segnalibro a questa risorsa! (è sufficiente andare sul logo per vedere il nome del servizio):


BlinkList: AssistentiSociali.org Blogger: AssistentiSociali.org Bloggers: AssistentiSociali.org Blogrolling: AssistentiSociali.org co.mments: AssistentiSociali.org Connotea: AssistentiSociali.org
Del.icio.us: AssistentiSociali.org De.lirio.us: AssistentiSociali.org Digg: AssistentiSociali.org Furl: AssistentiSociali.org Google: AssistentiSociali.org LinkaGoGo: AssistentiSociali.org
Ask Italia: AssistentiSociali.org YahooMyWeb: AssistentiSociali.org Ma.gnolia: AssistentiSociali.org Onlywire: AssistentiSociali.org Segnalo: AssistentiSociali.org Smarking: AssistentiSociali.org
Slashdot: AssistentiSociali.org Taggly: AssistentiSociali.org Technorati: AssistentiSociali.org Windows Live: AssistentiSociali.org Facebook: AssistentiSociali.org

Una nuova risorsa per gli assistenti sociali: una raccolta di siti selezionati, legati al mondo del sociale e divisi per categoria.

SocialDIR
Segnala gratis il tuo sito!

Scopri come seguendo questo link »
petizione per la tutela dell'immagine pubblica degli assistenti sociali

AssistentiSociali.org si fa promotore della petizione per la tutela dell'immagine pubblica degli assistenti sociali. Invitiamo tutti gli ospiti del sito a visitare la sezione relativa seguendo questo link.


Partner

I.T.A. Solution

Licenza del sito

Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.5 License.

Questo sito adotta la Creative Commons License, salvo dove espressamente specificato. Per maggiori informazioni consulta la pagina Copyright.

NEWSLETTER

Ultimi inserimenti nel Blog

Ultimi inserimenti nel Forum

Libri di servizio sociale

RSS

Ricerca sul web

Novità, Avvisi, Utilità

CAOS CALMO... O QUASI: contenere il senso di urgenza nei servizi sociali

Una identità incerta

L’identità professionale sostiene anche l’identità personale. Perciò il rischio che vivono gli operatori sociali che vogliono cambiare modalità operative è doppio: perdere il senso della pratica lavorativa e perdere la consistenza nella definizione di se stessi.
Se il pericolo è lo smarrimento identitario gli operatori sono giustificati quando evitano ogni trasformazione sentendosi gli unici paladini a difesa dell’umano esistere. Nessuno ama smarrire il senso di sé, del proprio valore, del significato della propria esistenza! E, seppure la strenua difesa dell’importanza che essi avvertono nell’entrare - fulminei - in campo per risolvere tutte le questioni, li conduce, intervento dopo intervento, ad un vergognoso senso di fallimento vanno compresi quando non accettano l’idea che, con azioni solitarie, ben poco è risolvibile.
Gli assistenti sociali per diventare "migranti" alla ricerca di nuove definizioni di sé hanno bisogno di un appiglio. La formazione può esserlo se condotta con la consapevolezza non tanto di dar luce ad ogni singolo caso, ma con l’intento di ridefinire ruoli e funzioni all’interno delle diverse strategie progettuali.
Se lasciato solo l’assistente sociale tappa falle che si riaprono in continuazione. E nel suo isolamento professionale invece di apprendere dall’esperienza si sente sempre più incompreso.
Si ritira, si isola e si riempie di rabbia. E la rabbia che lo pervade alimenta cattivi legami con se stesso, con i colleghi e con gli utenti. Sviluppa allora un lavoro frenetico per sfuggire a tutti i vincoli.
Il crollo della manutenzione dei legami tra operatori della rete lascia spazio alla mancata convocazione di chi deve affiancarlo. Se tutto si deve fare immediatamente non c’è tempo per ricordarsi di chiamare l’altro. E l’altro è negato.
E non è quello che tante volte fanno gli utenti non potendo sostare per costruire relazioni?
Quella che colpisce gli operatori che non vogliono cambiare la loro frenetica modalità di lavoro non è però una malattia individuale, ma è una malattia collettiva dovuta alla mancanza di luoghi dove decontaminare le loro menti dal contagio emotivo a cui sono esposte incontrando un’umanità sofferente.
Ci si guardi bene quindi dal pensare che è il singolo assistente sociale quello che non si ferma a pensare e si sposti lo sguardo sull’investimento finanziario e progettuale che viene predisposto dalle organizzazioni nei confronti di chi opera con le persone sconfitte, rotte, alla deriva.


indice


Creation date : 2008-09-14 - Last updated : 2009-12-20

Spazio libero per la tua pubblicità,
contattaci »