Questo sito utilizza diversi tipi di cookie, sia tecnici sia quelli di profilazione di terze parti, per analisi interne e per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze manifestate nell'ambito della navigazione.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Se chiudi questo banner o prosegui la navigazione acconsenti all'uso di tutti cookie.

| |

Spazio libero per la tua pubblicità,
contattaci »


Mettete un segnalibro a questa risorsa! (è sufficiente andare sul logo per vedere il nome del servizio):


BlinkList: AssistentiSociali.org Blogger: AssistentiSociali.org Bloggers: AssistentiSociali.org Blogrolling: AssistentiSociali.org co.mments: AssistentiSociali.org Connotea: AssistentiSociali.org
Del.icio.us: AssistentiSociali.org De.lirio.us: AssistentiSociali.org Digg: AssistentiSociali.org Furl: AssistentiSociali.org Google: AssistentiSociali.org LinkaGoGo: AssistentiSociali.org
Ask Italia: AssistentiSociali.org YahooMyWeb: AssistentiSociali.org Ma.gnolia: AssistentiSociali.org Onlywire: AssistentiSociali.org Segnalo: AssistentiSociali.org Smarking: AssistentiSociali.org
Slashdot: AssistentiSociali.org Taggly: AssistentiSociali.org Technorati: AssistentiSociali.org Windows Live: AssistentiSociali.org Facebook: AssistentiSociali.org

Una nuova risorsa per gli assistenti sociali: una raccolta di siti selezionati, legati al mondo del sociale e divisi per categoria.

SocialDIR
Segnala gratis il tuo sito!

Scopri come seguendo questo link »
petizione per la tutela dell'immagine pubblica degli assistenti sociali

AssistentiSociali.org si fa promotore della petizione per la tutela dell'immagine pubblica degli assistenti sociali. Invitiamo tutti gli ospiti del sito a visitare la sezione relativa seguendo questo link.


Partner

I.T.A. Solution

Licenza del sito

Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.5 License.

Questo sito adotta la Creative Commons License, salvo dove espressamente specificato. Per maggiori informazioni consulta la pagina Copyright.

NEWSLETTER

Ultimi inserimenti nel Blog

Ultimi inserimenti nel Forum

Libri di servizio sociale

RSS

Ricerca sul web

Novità, Avvisi, Utilità

Il Procedimento penale e la Notizia di Reato

La denuncia

La denuncia è un atto con il quale chiunque abbia notizia di un reato perseguibile d'ufficio ne informa il pubblico ministero o un ufficiale di polizia giudiziaria.

Il cittadino non ha alcun obbligo giuridico che gli impone di sporgere denuncia fatti salvi i casi previsti dalla legge.

La denuncia può essere presentata dal cittadino (o suo avvocato), dal pubblico ufficiale o da un incaricato di pubblico servizio. Può essere presentata in forma orale o scritta. Se la denuncia si presenta in forma orale il pubblico ufficiale redigerà un verbale. Se si presenta in forma scritta l'utente può utilizzare il modulo disponibile negli uffici delle forze dell'ordine. La persona che presenta una denuncia ha diritto di ottenere attestazione della ricezione.

La denuncia si presenterà negli uffici delle forze dell'ordine (Questure, Commissariati di P.S., Carabinieri). Anziani e portatori di handicap possono richiedere il servizio di "denunce a domicilio" telefonando al 113.

La denuncia è un atto facoltativo del cittadino che diventa obbligatorio quando:

Determinati soggetti hanno però l’obbligo di denunciare reati perseguibili d’ufficio, pena sanzioni anch’esse penali. Questi soggetti sono ex art. 331 c.p.p. i pubblici ufficiali e gli incaricati di pubblico servizio che, nell’esercizio o a causa delle loro funzioni o del loro servizio, hanno notizia di reato, anche quando non sia individuata la persona alla quale il reato è attribuito.

Per quanto riguarda i tempi utili per la presentazione della denuncia, l'articolo 331 c.p.p. non detta un termine perentorio, ma si limita a dire che questa deve essere inoltrata "senza ritardo".

Il caso di denuncia dovrà essere fatto solo dopo che l’Assistente sociale si sia accertato della reale esistenza, o di un ragionevole dubbio di esistenza, di un reato procedibile d'ufficio.

Se la notizia di reato è appresa fuori dall’esercizio e non a causa delle funzioni svolte, sono valide le norme e le considerazioni sulla denuncia di privati.

La denuncia da parte dei pubblici ufficiali e incaricati di un pubblico servizio deve avere forma scritta ed il suo contenuto consiste nell’esposizione degli elementi essenziali del fatto, nell’indicazione del giorno dell’acquisizione della notizia di reato e, se possibile ma non necessarie, delle fonti di prova già note nonché di notizie che valgano ad identificare la persona alla quale il fatto è attribuito, la persona offesa e coloro che sono in grado di riferire circostanze rilevanti.

La denuncia è obbligatoria anche quando non si sia individuata la persona alla quale il reato è attribuito o vi sia incertezza sul titolo del reato e sul fatto che questo sia perseguibile d’ufficio. La presentazione o trasmissione della denuncia deve essere fatta, senza ritardo, al pubblico ministero o ad un ufficiale di polizia giudiziaria; in quest’ultimo caso il dirigente dell’ufficio dal quale l’ufficiale di polizia giudiziaria dipende la deve trasmettere al pubblico ministero entro 48 ore.

L’omissione e il ritardo nella presentazione della denuncia sono sanzionati penalmente.
Qualora il pubblico ufficiale o l’incaricato di pubblico servizio ometta o ritardi di denunciare il fatto all’autorità giudiziaria incorre in un reato punito con pena pecuniaria (artt. 361-2, c.p.).

Agli effetti della legge penale, (art. 357 c.p.) sono pubblici ufficiali coloro i quali esercitano una pubblica funzione legislativa, giurisdizionale o amministrativa. Agli stessi effetti è pubblica la funzione amministrativa disciplinata da norme di diritto pubblico e da atti autoritativi, e caratterizzata dalla formazione e dalla manifestazione della volontà della pubblica amministrazione e dal suo svolgersi per mezzo di poteri autoritativi e certificativi.

L’incaricato di pubblico servizio invece è colui il quale, pur esercitando una funzione dello Stato, che non comporti comunque lo svolgimento di una mansione meramente esecutiva, è tuttavia sprovvisto di poteri di supremazia (ex art. 358 c.p.). In quest’ultima accezione è ricompressa l’attività degli operatori sociali.



A cura di:
Dario Vinci
Creation date : 2010-02-06 - Last updated : 2010-12-11

Spazio libero per la tua pubblicità,
contattaci »