Questo sito utilizza diversi tipi di cookie, sia tecnici sia quelli di profilazione di terze parti, per analisi interne e per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze manifestate nell'ambito della navigazione.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Se chiudi questo banner o prosegui la navigazione acconsenti all'uso di tutti cookie.

| |

Spazio libero per la tua pubblicità,
contattaci »


Mettete un segnalibro a questa risorsa! (è sufficiente andare sul logo per vedere il nome del servizio):


BlinkList: AssistentiSociali.org Blogger: AssistentiSociali.org Bloggers: AssistentiSociali.org Blogrolling: AssistentiSociali.org co.mments: AssistentiSociali.org Connotea: AssistentiSociali.org
Del.icio.us: AssistentiSociali.org De.lirio.us: AssistentiSociali.org Digg: AssistentiSociali.org Furl: AssistentiSociali.org Google: AssistentiSociali.org LinkaGoGo: AssistentiSociali.org
Ask Italia: AssistentiSociali.org YahooMyWeb: AssistentiSociali.org Ma.gnolia: AssistentiSociali.org Onlywire: AssistentiSociali.org Segnalo: AssistentiSociali.org Smarking: AssistentiSociali.org
Slashdot: AssistentiSociali.org Taggly: AssistentiSociali.org Technorati: AssistentiSociali.org Windows Live: AssistentiSociali.org Facebook: AssistentiSociali.org

Una nuova risorsa per gli assistenti sociali: una raccolta di siti selezionati, legati al mondo del sociale e divisi per categoria.

SocialDIR
Segnala gratis il tuo sito!

Scopri come seguendo questo link »
petizione per la tutela dell'immagine pubblica degli assistenti sociali

AssistentiSociali.org si fa promotore della petizione per la tutela dell'immagine pubblica degli assistenti sociali. Invitiamo tutti gli ospiti del sito a visitare la sezione relativa seguendo questo link.


Partner

I.T.A. Solution

Licenza del sito

Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.5 License.

Questo sito adotta la Creative Commons License, salvo dove espressamente specificato. Per maggiori informazioni consulta la pagina Copyright.

NEWSLETTER

Ultimi inserimenti nel Blog

Ultimi inserimenti nel Forum

Libri di servizio sociale

RSS

Ricerca sul web

Novità, Avvisi, Utilità

La coercizione e la riduzione in schiavitù

Differenti sono le modalità di coercizione utilizzate dalle differenti reti di sfruttamento. Il racket albanese presenta strategie di coercizione legate alla violenza, sia sessuale che fisica oltre che psicologica. Infatti, dai racconti delle ragazze fuggite allo sfruttamento, si evince che le tecniche utilizzate dai loro aguzzini per costringerle a prostituirsi ed assoggettarle a loro, sono spesso spietate e comprendono torture di ogni genere oltre a forme di controllo serrate.

«Coercizione e assoggettamento passano anche attraverso un controllo continuo e pervasivo del quotidiano, che invade ogni sfera di vita: tempo di lavoro, tempo di riposo, libertà di movimento, contatti esterni. Il controllo è rigidissimo soprattutto agli inizi, e si esplica in una presenza costante, anche se non necessariamente visibile, dello sfruttatore o delle persone appositamente delegate» (Abbatecola, 2005: p. 132-133)

Da parte degli stessi sfruttatori albanesi si notano differenze tra i trattamenti riservati alle connazionali "vittima-fidanzata", e quelli relativi alle ragazze dell’est, "vittima-merce". Nel primo caso, la violenza e le minacce sono le principali strategie coercitive che permettono il completo assoggettamento delle ragazze mentre, nel secondo, l’esistenza di un contratto tra vittima e sfruttatore rende meno necessario l’impiego della violenza perché prevede forme di spartizione dei guadagni. (Abbatecola, 2005: p. 133) Inoltre le donne dell’est sono meno soggette al ricatto perché la famiglia è lontana e spesso sconosciuta alla rete criminale. Meno violenti i metodi delle maman nigeriane, le quali basano il rapporto con le ragazze su una sorta di ambivalenza ricattatoria pseudo-affettiva. Le modalità coercitive sfociano nella violenza fisica solo quando le sfruttate si ribellano, cosa che peraltro non avviene frequentemente, in quanto il filo che lega queste ragazze alle loro maman è quello del debito, sottoscritto attraverso un vero e proprio contratto scritto o con i riti giugiù che hanno un forte impatto a livello psicologico su queste giovani donne. Questo tipo di assoggettamento psicologico è solitamente sufficiente a garantire l’obbedienza delle ragazze che si ribellano, solitamente quando arrivano nel nostro paese inconsapevoli di dover esercitare la prostituzione, cosa che peraltro succede ormai molto raramente, perché il racket nigeriano sa bene che una ragazza impreparata, che si è sentita ingannata e che, di conseguenza, non instaura con la maman una relazione basata sul rispetto e sulla riconoscenza, comporta il rischio di una possibile fuga.

L’esistenza del debito da pagare per riacquistare la libertà è sostanzialmente l’unico metodo di cui l’organizzazione nigeriana si avvale per garantirsi l’obbedienza delle ragazze, le quali godono di una certa libertà nella gestione sia del loro tempo libero sia di quello dedicato al lavoro.

«Una terza tattica consiste nell’adottare forme più blande di sfruttamento e nel concedere alle ragazze maggiore libertà, in modo da rendere la loro condizione maggiormente sopportabile» (Abbatecola, 2005: p. 96)

Un insieme di strategie dunque, che ha portato al successo la rete di sfruttamento della prostituzione nigeriana, che rappresenta anche quella con il minor numero di denunce.


indice

IL FENOMENO DELLA TRATTA - Estratto dalla tesi di Laurea

A cura di:
Serena Giusquiami
Creation date : 2007-01-14 - Last updated : 2010-01-31

Spazio libero per la tua pubblicità,
contattaci »