Questo sito utilizza diversi tipi di cookie, sia tecnici sia quelli di profilazione di terze parti, per analisi interne e per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze manifestate nell'ambito della navigazione.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Se chiudi questo banner o prosegui la navigazione acconsenti all'uso di tutti cookie.

| |

Spazio libero per la tua pubblicità,
contattaci »


Mettete un segnalibro a questa risorsa! (è sufficiente andare sul logo per vedere il nome del servizio):


BlinkList: AssistentiSociali.org Blogger: AssistentiSociali.org Bloggers: AssistentiSociali.org Blogrolling: AssistentiSociali.org co.mments: AssistentiSociali.org Connotea: AssistentiSociali.org
Del.icio.us: AssistentiSociali.org De.lirio.us: AssistentiSociali.org Digg: AssistentiSociali.org Furl: AssistentiSociali.org Google: AssistentiSociali.org LinkaGoGo: AssistentiSociali.org
Ask Italia: AssistentiSociali.org YahooMyWeb: AssistentiSociali.org Ma.gnolia: AssistentiSociali.org Onlywire: AssistentiSociali.org Segnalo: AssistentiSociali.org Smarking: AssistentiSociali.org
Slashdot: AssistentiSociali.org Taggly: AssistentiSociali.org Technorati: AssistentiSociali.org Windows Live: AssistentiSociali.org Facebook: AssistentiSociali.org

Una nuova risorsa per gli assistenti sociali: una raccolta di siti selezionati, legati al mondo del sociale e divisi per categoria.

SocialDIR
Segnala gratis il tuo sito!

Scopri come seguendo questo link »
petizione per la tutela dell'immagine pubblica degli assistenti sociali

AssistentiSociali.org si fa promotore della petizione per la tutela dell'immagine pubblica degli assistenti sociali. Invitiamo tutti gli ospiti del sito a visitare la sezione relativa seguendo questo link.


Partner

I.T.A. Solution

Licenza del sito

Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.5 License.

Questo sito adotta la Creative Commons License, salvo dove espressamente specificato. Per maggiori informazioni consulta la pagina Copyright.

NEWSLETTER

Ultimi inserimenti nel Blog

Ultimi inserimenti nel Forum

Libri di servizio sociale

RSS

Ricerca sul web

Novità, Avvisi, Utilità

La riabilitazione psichiatrica

La riabilitazione è un insieme di "strategie abilitanti" deputate alla riapertura di canali relazionali, alla ridefinizione del tempo, degli spazi, dell’uso della quotidianità. Essa si occupa, sostanzialmente, della reintegrazione del paziente nella società, aiutandolo a riguadagnare ruoli e diritti perduti, puntando al conseguimento del massimo grado di autonomia possibile, quindi della massima qualità di vita auspicabile. Ciò si potrà realizzare mediante il potenziamento delle risorse e delle abilità sociali residue, la riacquisizione di quelle perse, l’acquisizione di nuove (se possibile), lavorando anche sull’ambiente.

Il lavoro sul contesto si propone di favorire il reinserimento sociale e/o lavorativo dell’utente, cercando di aumentare il livello di tolleranza degli altri nei suoi confronti. Inoltre esso svolge l’importante funzione di evitare che si profili nei riguardi del paziente un tentativo di adeguamento passivo che non tenga sufficientemente conto della sua soggettività e singolarità.

Riassumendo, tenendo presente che, esistendo una stretta interazione tra individuo ed ambiente, ogni modificazione di uno dei due soggetti relazionali produce un cambiamento sull’altro, la riabilitazione mette in atto un processo di adattamento reciproco secondo due strategie fondamentali:

Un valido percorso riabilitativo dovrebbe produrre la "guarigione sociale" del paziente, portandolo a reinserirsi completamente, dignitosamente e con successo nell’ambiente socio-lavorativo, anche in assenza di risoluzione della patologia.


I livelli della riabilitazione

Integrazione sociale, formazione professionale, casa, inserimenti lavorativi, offerta per il tempo libero e la socialità: questi sono gli ingredienti attraverso i quali la persona viene messa in collegamento con gli elementi simbolici, e pratici, della normalità, dell’essere parte della società.

Più in generale, il lavoro riabilitativo può assumere quattro livelli:

  1. INTRATTENIMENTO: rappresenta il livello base della progettualità riabilitativa sul quale impostare l’intero lavoro. La sua utilità si riscontra nella possibilità di aiutare a stabilire buone relazioni terapeutiche e nell’essere un’attività di base per gestire gli spazi temporali vuoti della quotidianità all’interno di uno spazio corretto rispetto al rapporto con la realtà.
  2. SOCIALIZZAZIONE: essa è volta ad orientare il comportamento dell’utente nelle relazioni con gli altri, aiutandolo a migliorare le sue capacità comunicative e ad osservare le norme di un gruppo.
  3. RIABILITAZIONE PROPRIAMENTE DETTA: per attuarla è necessario valutare ogni singolo paziente, formulare una diagnosi personalizzata delle disabilità e, su questi dati, elaborare un progetto di riabilitazione, concordato, finalizzato al miglioramento delle abilità compromesse.
  4. REINSERIMENTO SOCIALE: si tratta di reinserire il paziente nel suo ambiente di vita abituale, valutando e lavorando sulla dimensione abitativa, lavorativa e quella delle relazioni interpersonali.

In prospettiva del reinserimento sociale è necessario che siano ricostruite le condizioni affinché le persone svantaggiate siano riconosciute, e si riconoscano, come attori dei loro contesti di vita, effettuando il passaggio dal ruolo di "malato" a quello di "cittadino".


A cura di:
Serena Lupinetti
Creation date : 2008-03-15 - Last updated : 2009-12-19

Spazio libero per la tua pubblicità,
contattaci »