Questo sito utilizza diversi tipi di cookie, sia tecnici sia quelli di profilazione di terze parti, per analisi interne e per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze manifestate nell'ambito della navigazione.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Se chiudi questo banner o prosegui la navigazione acconsenti all'uso di tutti cookie.

| |

Spazio libero per la tua pubblicità,
contattaci »


Mettete un segnalibro a questa risorsa! (è sufficiente andare sul logo per vedere il nome del servizio):


BlinkList: AssistentiSociali.org Blogger: AssistentiSociali.org Bloggers: AssistentiSociali.org Blogrolling: AssistentiSociali.org co.mments: AssistentiSociali.org Connotea: AssistentiSociali.org
Del.icio.us: AssistentiSociali.org De.lirio.us: AssistentiSociali.org Digg: AssistentiSociali.org Furl: AssistentiSociali.org Google: AssistentiSociali.org LinkaGoGo: AssistentiSociali.org
Ask Italia: AssistentiSociali.org YahooMyWeb: AssistentiSociali.org Ma.gnolia: AssistentiSociali.org Onlywire: AssistentiSociali.org Segnalo: AssistentiSociali.org Smarking: AssistentiSociali.org
Slashdot: AssistentiSociali.org Taggly: AssistentiSociali.org Technorati: AssistentiSociali.org Windows Live: AssistentiSociali.org Facebook: AssistentiSociali.org

Una nuova risorsa per gli assistenti sociali: una raccolta di siti selezionati, legati al mondo del sociale e divisi per categoria.

SocialDIR
Segnala gratis il tuo sito!

Scopri come seguendo questo link »
petizione per la tutela dell'immagine pubblica degli assistenti sociali

AssistentiSociali.org si fa promotore della petizione per la tutela dell'immagine pubblica degli assistenti sociali. Invitiamo tutti gli ospiti del sito a visitare la sezione relativa seguendo questo link.


Partner

I.T.A. Solution

Licenza del sito

Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.5 License.

Questo sito adotta la Creative Commons License, salvo dove espressamente specificato. Per maggiori informazioni consulta la pagina Copyright.

NEWSLETTER

Ultimi inserimenti nel Blog

Ultimi inserimenti nel Forum

Libri di servizio sociale

RSS

Ricerca sul web

Novità, Avvisi, Utilità

La Cooperazione Internazionale allo Sviluppo



Note del testo
Nr. Nota Indietro
1 Art. 1, comma I, General Assembly Resolution 41/128, Declaration on the Right to Development, 4 December 1986. ««
2 In origine questi paesi vennero definiti "Terzo Mondo" dall’economista francese Sauvy, per definire quei paesi che non sono dotati di una struttura produttiva industriale di tipo capitalista, né di stampo socialista. Dalla fine degli anni Ottanta, però, in coincidenza con la caduta del muro di Berlino e la conseguente fine della Guerra Fredda, sembrò più appropriato definirli come "Paesi in Via di Sviluppo". ««
3 European Commission, Project Cycle Management Training Handbook, Sussex (UK), prepared by ITAD Ltd, May 1999. Cfr. Glossario. ««
4 Secondo Hirschman, lo sviluppo è di per sé un processo squilibrato, nel quale operano tensioni, stimoli, contraddizioni settoriali e fattori endogeni, cioè peculiari di una ed una sola realtà. Anche i progetti di sviluppo sono coinvolti in questi meccanismi, e pertanto in essi giocano un ruolo centrale i fattori di incertezza, i vincoli ed i fattori collaterali, nel cui insieme si configurano anche certi gradi di libertà per la gestione del progetto. Cfr. A. O. Hirschman, I progetti di sviluppo.
Un’analisi critica dei progetti realizzati nel Meridione e in Paesi del Terzo mondo, ed. it. a cura di P. G. Crosta, Milano, FrancoAngeli, 1975, p. 13.
««
5 Professore presso la Facoltà di Economia dell’università degli studi di Bologna - Corso di Laurea e Laurea specialistica in Economia delle imprese cooperative e organizzazioni non profit -, nonché diplomato in servizio sociale e con esperienza decennale nella cooperazione decentrata come progettista. ««
6 A. O. Hirschman, La strategia dello sviluppo economico, Firenze, La Nuova Italia Scientifica, 1969. ««
7 È il processo di ampliamento delle possibilità di un soggetto (una persona ma anche un gruppo), con lo scopo di aumentare la capacità di agire di questo nel proprio contesto e di operare delle scelte in maniera autonoma. È una tecnica che fa leva sulle risorse già presenti per aumentarne l’autodeterminazione. Essere empowered significa essere dotato di capacità di esercitare diritti e scelte, al fine di soddisfare al meglio le proprie esigenze e poter esprimere le proprie capacità innovative e creative. Il termine è usato con particolare riferimento alle differenze di genere. L’empowerment è misurato dall’UNDP con un apposito indicatore. ««
8 V. Ianni, La Cooperazione Decentrata allo sviluppo umano, op. cit. ««
9 M. Rossi, I progetti di sviluppo. Metodologie ed esperienze di progettazione partecipativa per obiettivi, op. cit., p. 134. ««

A cura di:
Angela Paparella
Creation date : 2007-04-29 - Last updated : 2009-12-23

Spazio libero per la tua pubblicità,
contattaci »