Questo sito utilizza diversi tipi di cookie, sia tecnici sia quelli di profilazione di terze parti, per analisi interne e per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze manifestate nell'ambito della navigazione.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Se chiudi questo banner o prosegui la navigazione acconsenti all'uso di tutti cookie.

| |

Spazio libero per la tua pubblicità,
contattaci »


Mettete un segnalibro a questa risorsa! (è sufficiente andare sul logo per vedere il nome del servizio):


BlinkList: AssistentiSociali.org Blogger: AssistentiSociali.org Bloggers: AssistentiSociali.org Blogrolling: AssistentiSociali.org co.mments: AssistentiSociali.org Connotea: AssistentiSociali.org
Del.icio.us: AssistentiSociali.org De.lirio.us: AssistentiSociali.org Digg: AssistentiSociali.org Furl: AssistentiSociali.org Google: AssistentiSociali.org LinkaGoGo: AssistentiSociali.org
Ask Italia: AssistentiSociali.org YahooMyWeb: AssistentiSociali.org Ma.gnolia: AssistentiSociali.org Onlywire: AssistentiSociali.org Segnalo: AssistentiSociali.org Smarking: AssistentiSociali.org
Slashdot: AssistentiSociali.org Taggly: AssistentiSociali.org Technorati: AssistentiSociali.org Windows Live: AssistentiSociali.org Facebook: AssistentiSociali.org

Una nuova risorsa per gli assistenti sociali: una raccolta di siti selezionati, legati al mondo del sociale e divisi per categoria.

SocialDIR
Segnala gratis il tuo sito!

Scopri come seguendo questo link »
petizione per la tutela dell'immagine pubblica degli assistenti sociali

AssistentiSociali.org si fa promotore della petizione per la tutela dell'immagine pubblica degli assistenti sociali. Invitiamo tutti gli ospiti del sito a visitare la sezione relativa seguendo questo link.


Partner

I.T.A. Solution

Licenza del sito

Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.5 License.

Questo sito adotta la Creative Commons License, salvo dove espressamente specificato. Per maggiori informazioni consulta la pagina Copyright.

NEWSLETTER

Ultimi inserimenti nel Blog

Ultimi inserimenti nel Forum

Libri di servizio sociale

RSS

Ricerca sul web

Novità, Avvisi, Utilità

Il procedimento civile minorile presso il Tribunale per i Minorenni

Competenza territoriale

E’ del T.M. del luogo in cui il minore dimora abitualmente, anche se non coincidente con la residenza del genitore.

L’inizio del procedimento

Avviene su ricorso del genitore, dei parenti entro il sesto grado o del P.M. presso il T.M. (quest’ultima tipologia, nella maggior parte dei casi).

Il T.M. può aprire d’ufficio un procedimento solo eccezionalmente nei casi molto urgenti ( art. 336 comma 3), ma di regola è il P.M. che ha l’iniziativa processuale a protezione del minore e quindi la legittimazione ad agire.

I servizi degli enti locali non hanno diretta legittimazione ad agire: essi possono solo segnalare il caso al P.M. presso il T.M., il quale - dopo avere effettuato un’inchiesta preliminare (ad es. chiedendo un approfondimento al S.S.) - deciderà se fare ricorso, individuando la tipologia d’intervento che appare più utile e praticabile nell’interesse del minore.

Il minore non è legittimato ad invocare in via diretta l’intervento del giudice (TM): può solo rivolgersi personalmente al P.M. che, se ne riterrà esistenti i presupposti, assumerà l’iniziativa per aprire il procedimento.

La fase istruttoria

Ricevuto il ricorso dell’interessato, ovvero la richiesta del P.M., si apre la fase istruttoria.
Il presidente nomina il giudice relatore, che - in base alla prassi vigente nei T.M. - cura la fase istruttoria per poi riferire in Camera di Consiglio al momento della decisione, che viene presa dal Tribunale nella sua formazione collegiale (due giudici togati e due giudici onorari).
L’istruttoria è svolta di solito da un giudice togato, ai G.O. possono però essere delegate singole attività istruttorie (es. audizione dei genitori o del minore).

Le fonti di informazione del giudice

La legge dice solo che l’istruttoria ha luogo attraverso l’ "assunzione di informazioni".
La più importante fonte di informazioni sono le relazioni dei Servizi. Ci si può inoltre avvalere degli organi di Polizia Giudiziaria (Carabinieri, Polizia, G.d.F.). In determinati casi può essere opportuno nominare un C.T.U. (consulente tecnico d’ufficio). In questa ipotesi la sua ammissibilità deve essere deliberata dal Collegio giudicante.


:: menu ::

A cura di:
Dario Vinci

Documento soggetto a copyright.

Creation date : 2010-02-06 - Last updated : 2011-05-04

Spazio libero per la tua pubblicità,
contattaci »