Questo sito utilizza diversi tipi di cookie, sia tecnici sia quelli di profilazione di terze parti, per analisi interne e per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze manifestate nell'ambito della navigazione.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Se chiudi questo banner o prosegui la navigazione acconsenti all'uso di tutti cookie.

| |

Spazio libero per la tua pubblicità,
contattaci »


Mettete un segnalibro a questa risorsa! (è sufficiente andare sul logo per vedere il nome del servizio):


BlinkList: AssistentiSociali.org Blogger: AssistentiSociali.org Bloggers: AssistentiSociali.org Blogrolling: AssistentiSociali.org co.mments: AssistentiSociali.org Connotea: AssistentiSociali.org
Del.icio.us: AssistentiSociali.org De.lirio.us: AssistentiSociali.org Digg: AssistentiSociali.org Furl: AssistentiSociali.org Google: AssistentiSociali.org LinkaGoGo: AssistentiSociali.org
Ask Italia: AssistentiSociali.org YahooMyWeb: AssistentiSociali.org Ma.gnolia: AssistentiSociali.org Onlywire: AssistentiSociali.org Segnalo: AssistentiSociali.org Smarking: AssistentiSociali.org
Slashdot: AssistentiSociali.org Taggly: AssistentiSociali.org Technorati: AssistentiSociali.org Windows Live: AssistentiSociali.org Facebook: AssistentiSociali.org

Una nuova risorsa per gli assistenti sociali: una raccolta di siti selezionati, legati al mondo del sociale e divisi per categoria.

SocialDIR
Segnala gratis il tuo sito!

Scopri come seguendo questo link »
petizione per la tutela dell'immagine pubblica degli assistenti sociali

AssistentiSociali.org si fa promotore della petizione per la tutela dell'immagine pubblica degli assistenti sociali. Invitiamo tutti gli ospiti del sito a visitare la sezione relativa seguendo questo link.


Partner

I.T.A. Solution

Licenza del sito

Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.5 License.

Questo sito adotta la Creative Commons License, salvo dove espressamente specificato. Per maggiori informazioni consulta la pagina Copyright.

NEWSLETTER

Ultimi inserimenti nel Blog

Ultimi inserimenti nel Forum

Libri di servizio sociale

RSS

Ricerca sul web

Novità, Avvisi, Utilità

Il Tribunale Ordinario

La l. 54/06: il principio dell’affido condiviso

Per la nuova L. 54/2006, che riforma parte degli articoli del codice civile in materia di separazione legale, la potestà dovrebbe essere esercitata, tranne i casi in cui ciò sia contrario all’interesse del minore, da entrambi i genitori (c.d. affido condiviso).

Le nuove norme della legge 8 febbraio 2006, n. 54, si fondano sul principio della bigenitorialità, ovvero prevedono come regola, in caso di separazione dei genitori, l’affidamento dei figli ad entrambi i coniugi separati e lasciano, solo come scelta residuale, da parte del giudice, quella dell’affidamento ad un solo genitore. Viene quindi capovolto il precedente sistema monogenitoriale di affidamento dei figli che comprimeva i diritti del genitore non affidatario, spesso escluso dalle scelte importanti relative alla vita e all’educazione dei figli.

La nuova disciplina non vuole però con l’introduzione della condivisione riferirsi necessariamente al fatto che il minore debba vivere a giorni alterni presso la madre o il padre, bensì che entrambi debbano, nell’interesse del minore partecipare, o meglio condividere, le scelte ordinarie e straordinarie che il genitore collocatario del minore decide per il figlio.

Tecnicamente quindi il giudice, di solito, pronunciando la separazione non affida il minore esclusivamente ad uno solo dei genitori ma ad entrambi. Al contempo però spesso dispone che questi sarà collocato (stabilmente) presso uno dei due genitori (di solito la mamma) con diritto di visita dell’altro, secondo quanto stabilito dal giudice considerati i possibili accordi tra i genitori.

Le scelte ordinarie per il minore verranno prese dal genitore dove questo è collocato, pur dovendo tendere alla condivisione da parte dell’altro. Condivisione non vuol dire che la scelta dovrà essere presa congiuntamente con l’altro genitore ma semplicemente condivisa, quindi senza il dissenso dell’altro genitore, che avrà la possibilità di adire al Giudice della separazione se tale condivisione non viene rispettata.

Diversamente, come già in verità disciplinata nella vecchia normativa, rimane in campo ad entrambi i genitori la necessaria congiunta volontà (e non solo condivisione quindi) per le scelte straordinarie relative al minore, si pensi all’iscrizione ad un ciclo di studi o la forma del consenso informato per l’effettuazione di un trattamento sanitario invasivo (del corpo o della mente).

La norma del 2004 prevede inoltre che "il godimento della casa familiare è attribuito tenendo prioritariamente conto all’interesse dei figli", quindi potrebbe essere dato, nonostante un affido condiviso , al genitore collocatario esclusivo (tranne il diritto di visita dell’altro) del minore.

Il principio dell’affido condiviso si applica anche per coppie di fatto con prole e anche nel caso di affidamenti di minori in sede di divorzio.


:: menu ::

A cura di:
Dario Vinci

Documento soggetto a copyright.

Creation date : 2010-02-06 - Last updated : 2011-02-19

Spazio libero per la tua pubblicità,
contattaci »