Questo sito utilizza diversi tipi di cookie, sia tecnici sia quelli di profilazione di terze parti, per analisi interne e per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze manifestate nell'ambito della navigazione.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Se chiudi questo banner o prosegui la navigazione acconsenti all'uso di tutti cookie.

| |

Spazio libero per la tua pubblicità,
contattaci »


Mettete un segnalibro a questa risorsa! (è sufficiente andare sul logo per vedere il nome del servizio):


BlinkList: AssistentiSociali.org Blogger: AssistentiSociali.org Bloggers: AssistentiSociali.org Blogrolling: AssistentiSociali.org co.mments: AssistentiSociali.org Connotea: AssistentiSociali.org
Del.icio.us: AssistentiSociali.org De.lirio.us: AssistentiSociali.org Digg: AssistentiSociali.org Furl: AssistentiSociali.org Google: AssistentiSociali.org LinkaGoGo: AssistentiSociali.org
Ask Italia: AssistentiSociali.org YahooMyWeb: AssistentiSociali.org Ma.gnolia: AssistentiSociali.org Onlywire: AssistentiSociali.org Segnalo: AssistentiSociali.org Smarking: AssistentiSociali.org
Slashdot: AssistentiSociali.org Taggly: AssistentiSociali.org Technorati: AssistentiSociali.org Windows Live: AssistentiSociali.org Facebook: AssistentiSociali.org

Una nuova risorsa per gli assistenti sociali: una raccolta di siti selezionati, legati al mondo del sociale e divisi per categoria.

SocialDIR
Segnala gratis il tuo sito!

Scopri come seguendo questo link »
petizione per la tutela dell'immagine pubblica degli assistenti sociali

AssistentiSociali.org si fa promotore della petizione per la tutela dell'immagine pubblica degli assistenti sociali. Invitiamo tutti gli ospiti del sito a visitare la sezione relativa seguendo questo link.


Partner

I.T.A. Solution

Licenza del sito

Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.5 License.

Questo sito adotta la Creative Commons License, salvo dove espressamente specificato. Per maggiori informazioni consulta la pagina Copyright.

NEWSLETTER

Ultimi inserimenti nel Blog

Ultimi inserimenti nel Forum

Libri di servizio sociale

RSS

Ricerca sul web

Novità, Avvisi, Utilità

La pluralità delle appartenenze

Eppure, è in questa città plurale, meticcia, dove regna la mescolanza che più facilmente anche Sumaya potrà perdersi e ritrovarsi. I ragazzi, ancor più che gli adulti, si trovano a gestire il rapporto con altri, diversi da loro, nelle svariate situazioni della quotidianità: man mano che crescono si moltiplicano le occasioni di scambio, emergono le differenze, esplodono gli scontri, ma aumentano anche le opportunità di incontro, di apertura reciproca, se non proprio di comprensione empatica quando "l’altro non è più al di là del confine ma al di qua" (Mantovani G., 2006). "La città dovrebbe essere la scuola che ci insegna a condurre una vita ben centrata. Attraverso l’esposizione agli altri potremmo imparare a distinguere ciò che è importante da ciò che non lo è. Abbiamo bisogno di vedere le differenze nelle strade, o negli altri, senza avvertirle come minacce né come tentativi di seduzione, bensì come visioni necessarie. Esse ci servono per muoverci nella vita con equilibrio, sia in senso individuale che collettivo" (Sennett R., 1992, p. 13). I ragazzi, ancor più che gli adulti, possono imparare a rovesciare il proprio disorientamento in conquista di nuovi spazi e di nuovi amici.

Ritrovarsi nel proprio ambiente di vita, assume allora una pluralità di significati: ritrovare se stessi, rispecchiarsi nel proprio ambiente riconoscendovi tratti di familiarità, potersi incontrare con altri, diversi da sé, varcando la soglia della solitudine.
E questa possibilità dipende anche dal fatto che la città consenta una pluralità di appartenenze e modi di essere, accolga spazi plurali, all’interno dei quali potersi sentire accolti nei molti modi di essere, nelle molteplici appartenenze e identità, valorizzi la mescolanza e l’"approssimazione" (Cassano F., 2003) tra diversi. "Imparare a stare in questo processo sempre aperto e, forse, inconcluso, sempre, è imparare a stare nell’instabilità e nella migranza, è vivere-nella-ricerca.[...] In tale processo formativo si è migranti rispetto a se stessi e rispetto al mondo. Si è migranti in quanto l’oltre è già in noi come possibile, in quanto la differenza entra in noi come risorsa, in quanto lo ‘stare nell’aperto’ è la radiografia del nostro stato d’animo e della nostra mente" (Cambi F., 2006 p. 42/43).
Questa valenza plurale è quanto mai importante per queste seconde generazioni che vivono come connaturato l’essere in bilico tra mondi, lingue, modelli educativi e culturali diversi.



A cura di:
Anna Granata
Elena Granata

Articolo già pubblicato su Animazione Sociale n.11, Novembre 2007

Creation date : 2008-03-15 - Last updated : 2010-01-31

Spazio libero per la tua pubblicità,
contattaci »