Questo sito utilizza diversi tipi di cookie, sia tecnici sia quelli di profilazione di terze parti, per analisi interne e per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze manifestate nell'ambito della navigazione.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Se chiudi questo banner o prosegui la navigazione acconsenti all'uso di tutti cookie.

| |

Spazio libero per la tua pubblicità,
contattaci »


Mettete un segnalibro a questa risorsa! (è sufficiente andare sul logo per vedere il nome del servizio):


BlinkList: AssistentiSociali.org Blogger: AssistentiSociali.org Bloggers: AssistentiSociali.org Blogrolling: AssistentiSociali.org co.mments: AssistentiSociali.org Connotea: AssistentiSociali.org
Del.icio.us: AssistentiSociali.org De.lirio.us: AssistentiSociali.org Digg: AssistentiSociali.org Furl: AssistentiSociali.org Google: AssistentiSociali.org LinkaGoGo: AssistentiSociali.org
Ask Italia: AssistentiSociali.org YahooMyWeb: AssistentiSociali.org Ma.gnolia: AssistentiSociali.org Onlywire: AssistentiSociali.org Segnalo: AssistentiSociali.org Smarking: AssistentiSociali.org
Slashdot: AssistentiSociali.org Taggly: AssistentiSociali.org Technorati: AssistentiSociali.org Windows Live: AssistentiSociali.org Facebook: AssistentiSociali.org

Una nuova risorsa per gli assistenti sociali: una raccolta di siti selezionati, legati al mondo del sociale e divisi per categoria.

SocialDIR
Segnala gratis il tuo sito!

Scopri come seguendo questo link »
petizione per la tutela dell'immagine pubblica degli assistenti sociali

AssistentiSociali.org si fa promotore della petizione per la tutela dell'immagine pubblica degli assistenti sociali. Invitiamo tutti gli ospiti del sito a visitare la sezione relativa seguendo questo link.


Partner

I.T.A. Solution

Licenza del sito

Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.5 License.

Questo sito adotta la Creative Commons License, salvo dove espressamente specificato. Per maggiori informazioni consulta la pagina Copyright.

NEWSLETTER

Ultimi inserimenti nel Blog

Ultimi inserimenti nel Forum

Libri di servizio sociale

RSS

Ricerca sul web

Novità, Avvisi, Utilità

Esperienze di libera professione

A metà circa della mia vita professionale, dopo un’esperienza di lavoro come dipendente di un servizio pubblico, ho iniziato a pensare alla possibilità di una scelta di libera professione, a come e perché “mettersi in proprio” come professionista d’area sociale.
Prefiguravo uno spazio possibile di libertà professionale e l’assunzione in proprio di un rischio d’impresa come di un nuovo modo di lavorare, oltre e al di là dei consueti schemi di riferimento.
Il tema era, in quel momento e all’interno della professione, un tabù, una sorta di divieto culturale e professionale: circa venti anni fa, quando ho cominciato la mia esperienza di libera professione, nessuno in Italia aveva fatto questa esperienza né la libera professione era pensata e pensabile.

“Illegale”, “Non è possibile”, “non è permessa!” sono alcuni dei commenti di colleghi, amici, altri assistenti sociali; ma, e contemporaneamente, commercialisti, avvocati, esperti giuridici, si stupivano delle domande ingenue che chiedevano solo: ”Si puo’?” proponendo ipotesi organizzative assolutamente pratiche e concrete... i percorsi possibili di un progetto da realizzare.
Già allora, all’esterno del nostro mondo professionale, non esistevano impedimenti o divieti: il blocco, la difficoltà di pensare e pensarsi diversamente, era espressione di un modello culturale ed emotivo tutto interno alla categoria professionale e tuttora abbastanza presente.
L’esperienza di lavoro sociale è infatti, nella nostra storia e cultura, prevalentemente collocata in enti pubblici e privati, che, in tal senso, costituiscono la base sicura della consuetudine lavorativa, in una professione prevalentemente orientata da un mandato pubblico, articolata tra enti e servizi, leggi e regole di funzionamento organizzativo.

Sapevo che in altri paesi e realtà esistevano esperienze di lavoro diretto, di consulenza e orientamento come di progettazione sociale a diversi livelli, sapevo anche che la mia idea di evoluzione professionale si sarebbe confrontata con schemi e modelli interni alla professione e con schemi e modelli “sociali”: le persone, i servizi, gli enti, potevano conoscere e riconoscere l’utilità di un servizio sociale o di una forma di consulenza non mediata dalle istituzioni ? La novità era o poteva essere compatibile con le forme di relazione professionale abitualmente sperimentate? Esisteva uno spazio di libera professione, nella nostra realtà?

Molto lavoro, da allora, e molte esperienze, che vorrei, per sintesi e per facilitare una lettura utile come eventuale orientamento, distinguere in due aree che mi paiono di possibile prospettiva professionale: non un’alternativa al lavoro consueto di assistente sociale nel mondo della Pubblica Amministrazione, ma un modo di pensare il lavoro sociale come aperto a scenari di lavoro e intervento diversificati, in un mercato del lavoro che ormai sta articolandosi e specializzandosi su temi d’attenzione e interesse sociale che sono spesso quelli professionali specifici dell’assistente sociale.



A cura di:
Ombretta Okely
Creation date : 2008-01-24 - Last updated : 2009-12-18

Spazio libero per la tua pubblicità,
contattaci »