Questo sito utilizza diversi tipi di cookie, sia tecnici sia quelli di profilazione di terze parti, per analisi interne e per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze manifestate nell'ambito della navigazione.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Se chiudi questo banner o prosegui la navigazione acconsenti all'uso di tutti cookie.

| |

Spazio libero per la tua pubblicità,
contattaci »


Mettete un segnalibro a questa risorsa! (è sufficiente andare sul logo per vedere il nome del servizio):


BlinkList: AssistentiSociali.org Blogger: AssistentiSociali.org Bloggers: AssistentiSociali.org Blogrolling: AssistentiSociali.org co.mments: AssistentiSociali.org Connotea: AssistentiSociali.org
Del.icio.us: AssistentiSociali.org De.lirio.us: AssistentiSociali.org Digg: AssistentiSociali.org Furl: AssistentiSociali.org Google: AssistentiSociali.org LinkaGoGo: AssistentiSociali.org
Ask Italia: AssistentiSociali.org YahooMyWeb: AssistentiSociali.org Ma.gnolia: AssistentiSociali.org Onlywire: AssistentiSociali.org Segnalo: AssistentiSociali.org Smarking: AssistentiSociali.org
Slashdot: AssistentiSociali.org Taggly: AssistentiSociali.org Technorati: AssistentiSociali.org Windows Live: AssistentiSociali.org Facebook: AssistentiSociali.org

Una nuova risorsa per gli assistenti sociali: una raccolta di siti selezionati, legati al mondo del sociale e divisi per categoria.

SocialDIR
Segnala gratis il tuo sito!

Scopri come seguendo questo link »
petizione per la tutela dell'immagine pubblica degli assistenti sociali

AssistentiSociali.org si fa promotore della petizione per la tutela dell'immagine pubblica degli assistenti sociali. Invitiamo tutti gli ospiti del sito a visitare la sezione relativa seguendo questo link.


Partner

I.T.A. Solution

Licenza del sito

Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.5 License.

Questo sito adotta la Creative Commons License, salvo dove espressamente specificato. Per maggiori informazioni consulta la pagina Copyright.

NEWSLETTER

Ultimi inserimenti nel Blog

Ultimi inserimenti nel Forum

Libri di servizio sociale

RSS

Ricerca sul web

Novità, Avvisi, Utilità

La seconda area: organizzazioni e formazione

Nella mia esperienza questa seconda area, pur presente da molti anni, era stata poco pensata come “mercato”possibile: il lavoro di formazione e intervento con gruppi e servizi mi era sempre parso secondario, in una prima fase perché come dipendente avevo poco tempo disponibile, poi perché la ricerca di modi e processi nel lavoro diretto mi aveva parecchio impegnato sul fronte tecnico e metodologico.
Ma gradualmente questo lavoro ha preso spazio e corpo, è diventato una sostanza tecnica e professionale che si poteva meglio identificare, organizzare e strutturare.
Nel lavoro sociale l’area educativa, di insegnamento, preparazione e formazione, è spesso presente: basti pensare ai gruppi per genitori o insegnanti, all’auto aiuto per fasce sociali a rischio, agli interventi organizzativi e di coordinamento abbastanza consueti nel lavoro quotidiano di un assistente sociale e nei servizi.

Insegnare, per alcuni aspetti, fa parte del lavoro sociale quanto educare…ci si impegna a trasmettere competenze e saperi d’area sociale ad altre professioni o settori d’intervento..e accade spesso che assistenti sociali insegnino organizzazione o politiche sociali o metodo del lavoro sociale ad ASA oppure OSS, oppure alle nuove generazioni di assistenti sociali ed educatori.
Un lavoro quotidiano in area sociale confronta in modo non superficiale con sistemi e processi organizzativi, che, elaborati e approfonditi, possono essere o diventare un nuovo spazio di lavoro: la competenza a capire, riconoscere, trattare, temi organizzativi o socio/organizzativi è certo complessa e faticosa, prevede un buon lavoro di preparazione e la costruzione di professionalità articolate e che sappiano connettere approcci anche molto diversi, come psicologia e sociologia, ma è di questi anni una evoluzione professionale che, partendo dai temi sociali che ci appartengono per esperienza e competenza, sappia sviluppare processi di conoscenza e innovazione professionale come processi di trasmissione di modelli e metodi, di approcci specifici ai temi sociali.

La libera professione ha in questo campo spazio aperto, se viene individuata e differenziata la specificità di esperienza e competenza, un sapere e dei saperi che sono parte rilevante di un “prodotto” che diventa un valore e, come tale, acquista visibilità e qualità.
Un intervento per organizzare un servizio adeguato di assistenza domiciliare, o una proposta formativa utile all’inserimento di nuovi assunti in un Ente, come, invece, la preparazione e realizzazione di un lavoro di sensibilizzazione e formazione alla salute per le scuole elementari e medie, sono alcuni dei possibili esempi ed evoluzioni di un lavoro di assistente sociale.
Uno spazio si è ormai aperto per la nostra professione in campo formativo e di progettazione sociale, in cui è possibile utilizzare sia l’esperienza specifica di temi sociali sia la capacità di proporre progetti o interventi correlati ai nuovi fenomeni sociali.

Creare ed innovare fa parte del modello culturale di base, che insegna da sempre l’incrocio e la connessione tra pratica e teoria... ed è dall’esperienza individuale e della professione tutta che possono nascere, nel tempo, capacità di progettazione e novità se viene immaginata e pensata la possibilità di andare al di là di ciò che è già conosciuto o sperimentato e si accetta il rischio di andare oltre e altrove.
Il lavoro di assistente sociale è, o sembra, cosa nota: la mia testimonianza, spero, consente di pensare e pensarsi diversamente, in esperienze di libera professione ancora, in parte, da scoprire nei prossimi anni.



A cura di:
Ombretta Okely
Creation date : 2008-01-24 - Last updated : 2010-01-11

Spazio libero per la tua pubblicità,
contattaci »