Questo sito utilizza diversi tipi di cookie, sia tecnici sia quelli di profilazione di terze parti, per analisi interne e per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze manifestate nell'ambito della navigazione.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Se chiudi questo banner o prosegui la navigazione acconsenti all'uso di tutti cookie.

| |

Spazio libero per la tua pubblicità,
contattaci »


Mettete un segnalibro a questa risorsa! (è sufficiente andare sul logo per vedere il nome del servizio):


BlinkList: AssistentiSociali.org Blogger: AssistentiSociali.org Bloggers: AssistentiSociali.org Blogrolling: AssistentiSociali.org co.mments: AssistentiSociali.org Connotea: AssistentiSociali.org
Del.icio.us: AssistentiSociali.org De.lirio.us: AssistentiSociali.org Digg: AssistentiSociali.org Furl: AssistentiSociali.org Google: AssistentiSociali.org LinkaGoGo: AssistentiSociali.org
Ask Italia: AssistentiSociali.org YahooMyWeb: AssistentiSociali.org Ma.gnolia: AssistentiSociali.org Onlywire: AssistentiSociali.org Segnalo: AssistentiSociali.org Smarking: AssistentiSociali.org
Slashdot: AssistentiSociali.org Taggly: AssistentiSociali.org Technorati: AssistentiSociali.org Windows Live: AssistentiSociali.org Facebook: AssistentiSociali.org

Una nuova risorsa per gli assistenti sociali: una raccolta di siti selezionati, legati al mondo del sociale e divisi per categoria.

SocialDIR
Segnala gratis il tuo sito!

Scopri come seguendo questo link »
petizione per la tutela dell'immagine pubblica degli assistenti sociali

AssistentiSociali.org si fa promotore della petizione per la tutela dell'immagine pubblica degli assistenti sociali. Invitiamo tutti gli ospiti del sito a visitare la sezione relativa seguendo questo link.


Partner

I.T.A. Solution

Licenza del sito

Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.5 License.

Questo sito adotta la Creative Commons License, salvo dove espressamente specificato. Per maggiori informazioni consulta la pagina Copyright.

NEWSLETTER

Ultimi inserimenti nel Blog

Ultimi inserimenti nel Forum

Libri di servizio sociale

RSS

Ricerca sul web

Novità, Avvisi, Utilità

Rapporto tra assistente sociale e utente

La qualità di un buon lavoro per l’assistente sociale è quello di porsi in una buona e consapevole relazione.
Il primo incontro tra l’assistente sociale e l’utente è un’esperienza nuova con una persona unica e sarà influenzata dall’atteggiamento di entrambi i soggetti coinvolti.
Ogni persona suscita qualcosa nell’assistente sociale al primo impatto, e dell’altro lato l’utente porta con sè le sue aspettative.
Ogni nuovo utente propone una situazione nuova, forse mai vista, e quindi bisogna evitare di incasellare le persone rispetto a situazioni viste in precedenza.
E’ importante non etichettare o banalizzare il bisogno di cui l’altro è portatore.

Atteggiamenti dell’assistente sociale da assumere
Atteggiamenti dell’assistente sociale da evitare
Aspettative dell’utente
Tracciamo una sintesi del rapporto tra assistente sociale e utente
Conclusione del rapporto con l’utente

Atteggiamenti dell’assistente sociale da assumere:
Menù - Torna su
Atteggiamenti dell’assistente sociale da evitare:
Menù - Torna su
Aspettative dell’utente:

- SUGLI ASS.SOC. IN GENERALE: c’è un immaginario collettivo della figura dell’ass.soc., ad esempio sono quelli che portano via i bambini, oppure si legge sul giornale di finti assistenti sociali che rubano nelle case con l’inganno, oppure c’è una confusione sulla terminologia per cui si confondono con gli assistenti alla persona.

- SUL SINGOLO PROFESSIONISTA: si forma un’idea che ci siano ass.soc. più o meno bravi e a volte si vede nel giorno del ricevimento in cui alcuni professionisti hanno la coda fuori dalla porta e altri no.

Le aspettative dell’utente sono spesso contradittorie ma conviventi:

Ci sono tre modi che l’utente propone per risolvere più velocemente il problema:

  1. suggerire o imporre all’ass.soc. di fare delle azioni concrete;
  2. affidarsi totalmente all’ass.soc., dando poche informazioni rispetto al problema e negando una loro collaborazione;
  3. molti usano i professionisti per rovesciare sulla loro testa tutto il loro vissuto, hanno bisogno di sfogare la loro frustrazione e poi si sentono meglio.

Fortunatamente ci sono persone che escono da queste tre categorie, che vogliono cambiare la loro vita.
Il loro desiderio va colto, bisogna ascoltarle per percepire una risposta: sono le persone della gratitudine, e la gratitudine è un termometro della salute mentale delle persone.

Ci vuole fiducia per mostrare le parti meno belle di noi stessi perchè generalmente si prova vergogna, c’è la paura di trovare un atteggiamento moralistico in chi ascolta.
Il ruolo dell’ass.soc. è quello di ascoltare il latente, capire i bisogni materiali, ma anche le ansie, il dolore, tutti gli atteggiamenti, la complicità.

Menù - Torna su
Tracciamo una sintesi del rapporto tra assistente sociale e utente:
  1. E’ necessario avere un rapporto curioso, aperto, non inquinato da preconcetti;
  2. E’ bene osservare e annotare tutto quello che avviene negli incontri tra ass.soc. ed utente (come un esploratore);
  3. Bisogna pensare all’unicità della persona, cercando di capire come procede per risolvere i problemi e perchè ha posto la questione all’ass.soc.;
  4. Lo strumento più adeguato è l’ascolto, non solo delle parole, ma anche di quello che sta dietro (fantasie, aspettative, dolori) per far vedere all’utente quello che non vede da solo;
  5. Non avere l’ansia di dare risposte, soluzioni, ma è necessario capire e pensare;
  6. Ascoltarsi come operatori, capire come ci si sente, che sentimenti si proiettano nell’utente. E’ importante darsi tempo per ascoltarsi e contenersi;
  7. Utilizzare strumenti del confronto e della supervizione per capire e capirsi;
  8. Riconoscere che non si possono aiutare tutti: se la persona non desidera fare qualcosa per sè o non può le soluzioni si limitano;
  9. L’ass.soc. ha un ruolo importante per le persone che hanno bisogno, ha il potere di dare o non dare, di ascoltare o non ascoltare.
Menù - Torna su
Conclusione del rapporto con l’utente:

E’ necessario dare un termine per evitare la dipendenza, ed è un momento che va preparato.
La capacità di separarsi necessita allenamento sia per l’utente che mette in atto delle resistente (fugge in avanti oppure esprime nuovi problemi all’ultimo minuto), ma anche per l’ass.soc. che deve pensare alla persona nel futuro.
Può aiutare pensare all’idea della valigia in cui si porta fuori dal servizio quello che si è imparato e i propri progressi.

Menù - Torna su

A cura di:
Marianna Lenarduzzi
Creation date : 2006-08-30 - Last updated : 2010-01-11

Spazio libero per la tua pubblicità,
contattaci »