Questo sito utilizza diversi tipi di cookie, sia tecnici sia quelli di profilazione di terze parti, per analisi interne e per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze manifestate nell'ambito della navigazione.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Se chiudi questo banner o prosegui la navigazione acconsenti all'uso di tutti cookie.

| |

Spazio libero per la tua pubblicità,
contattaci »


Mettete un segnalibro a questa risorsa! (è sufficiente andare sul logo per vedere il nome del servizio):


BlinkList: AssistentiSociali.org Blogger: AssistentiSociali.org Bloggers: AssistentiSociali.org Blogrolling: AssistentiSociali.org co.mments: AssistentiSociali.org Connotea: AssistentiSociali.org
Del.icio.us: AssistentiSociali.org De.lirio.us: AssistentiSociali.org Digg: AssistentiSociali.org Furl: AssistentiSociali.org Google: AssistentiSociali.org LinkaGoGo: AssistentiSociali.org
Ask Italia: AssistentiSociali.org YahooMyWeb: AssistentiSociali.org Ma.gnolia: AssistentiSociali.org Onlywire: AssistentiSociali.org Segnalo: AssistentiSociali.org Smarking: AssistentiSociali.org
Slashdot: AssistentiSociali.org Taggly: AssistentiSociali.org Technorati: AssistentiSociali.org Windows Live: AssistentiSociali.org Facebook: AssistentiSociali.org

Una nuova risorsa per gli assistenti sociali: una raccolta di siti selezionati, legati al mondo del sociale e divisi per categoria.

SocialDIR
Segnala gratis il tuo sito!

Scopri come seguendo questo link »
petizione per la tutela dell'immagine pubblica degli assistenti sociali

AssistentiSociali.org si fa promotore della petizione per la tutela dell'immagine pubblica degli assistenti sociali. Invitiamo tutti gli ospiti del sito a visitare la sezione relativa seguendo questo link.


Partner

I.T.A. Solution

Licenza del sito

Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.5 License.

Questo sito adotta la Creative Commons License, salvo dove espressamente specificato. Per maggiori informazioni consulta la pagina Copyright.

NEWSLETTER

Ultimi inserimenti nel Blog

Ultimi inserimenti nel Forum

Libri di servizio sociale

RSS

Ricerca sul web

Novità, Avvisi, Utilità

L’organizzazione operativa del terzo settore

I soggetti del terzo settore debbono esprimere forme organizzative e operative specifiche onde poter attuare la propria "missione". Su questo punto non c’è ancora molta chiarezza. Infatti, la gran parte degli studi organizzativi, di solito, svolgono la loro analisi applicando al terzo settore vuoi gli schemi delle aziende di mercato, vuoi gli schemi delle organizzazioni burocratiche pubbliche, per poi procedere a deduzioni "comparative".

Chi studia l’organizzazione operativa del terzo settore, piuttosto che prendere come pietra di paragone le aziende di mercato e le loro reti, oppure servizi statali e le loro reti, ha maggiori possibilità di comprensione se si riferisce alle organizzazione dei gruppi sociali secondari (è opportuno richiamare l’opera classica di Cooley, 1963). Nel campo del terzo settore, non bisognerebbe mai dimenticarlo, è in gioco il concetto di "presa in carico della comunità da parte della comunità", e perciò la rete sociale va interpretata non come insieme di linee e di punti ma come un continum.

Nel complesso, la valutazione di come un’organizzazione operativa di terzo settore si struttura e funziona (la valutazione della relazione fra intenti e risultati) deve affidarsi a criteri che in parte saranno quelli stessi del soggetto di terzo settore e in parte quelli di un altro. In ogni caso, l’organizzazione implica dei dilemmi culturali e strutturali; se, ad esempio, si tiene presente che il primo e principale criterio di operatività per il terzo settore è costituito dal continum informale/formale, allora si vede che il problema, e il paradosso, di fondo del terzo settore consiste in questo che per raggiungere i propri obiettivi deve adottare gradi più elevati di formalizzazione, ma, quanto più si formalizza, tanto più perde quelle connotazioni relazionali che ne assicurano lo spirito, la mission, le motivazioni.

In un certo senso, per il terzo settore l’ottimizzazione organizzativa non consiste nell’interesse più profittevole o nel farsi carico di eseguire norme legislative, bensì nel trovare un proprio punto di equilibrio dinamico, processuale, fra risultati e risorse umane, tenendo conto del fatto, da un lato, un eccesso d’informalità comporta una rinuncia o la mancanza di crescita in professionalità (ovvero di mentalità professionale e tecnologica) e, dall’altro, un eccesso di formalizzazione comporta l’ingresso in logiche di rigidità e di spersonalizzazione che producono deficit motivazionale e di senso nei membri.


Indice
A cura di:
Marta Caligiuri
Creation date : 2007-05-06 - Last updated : 2010-03-10

Spazio libero per la tua pubblicità,
contattaci »