Questo sito utilizza diversi tipi di cookie, sia tecnici sia quelli di profilazione di terze parti, per analisi interne e per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze manifestate nell'ambito della navigazione.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Se chiudi questo banner o prosegui la navigazione acconsenti all'uso di tutti cookie.

| |

Spazio libero per la tua pubblicità,
contattaci »


Mettete un segnalibro a questa risorsa! (è sufficiente andare sul logo per vedere il nome del servizio):


BlinkList: AssistentiSociali.org Blogger: AssistentiSociali.org Bloggers: AssistentiSociali.org Blogrolling: AssistentiSociali.org co.mments: AssistentiSociali.org Connotea: AssistentiSociali.org
Del.icio.us: AssistentiSociali.org De.lirio.us: AssistentiSociali.org Digg: AssistentiSociali.org Furl: AssistentiSociali.org Google: AssistentiSociali.org LinkaGoGo: AssistentiSociali.org
Ask Italia: AssistentiSociali.org YahooMyWeb: AssistentiSociali.org Ma.gnolia: AssistentiSociali.org Onlywire: AssistentiSociali.org Segnalo: AssistentiSociali.org Smarking: AssistentiSociali.org
Slashdot: AssistentiSociali.org Taggly: AssistentiSociali.org Technorati: AssistentiSociali.org Windows Live: AssistentiSociali.org Facebook: AssistentiSociali.org

Una nuova risorsa per gli assistenti sociali: una raccolta di siti selezionati, legati al mondo del sociale e divisi per categoria.

SocialDIR
Segnala gratis il tuo sito!

Scopri come seguendo questo link »
petizione per la tutela dell'immagine pubblica degli assistenti sociali

AssistentiSociali.org si fa promotore della petizione per la tutela dell'immagine pubblica degli assistenti sociali. Invitiamo tutti gli ospiti del sito a visitare la sezione relativa seguendo questo link.


Partner

I.T.A. Solution

Licenza del sito

Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.5 License.

Questo sito adotta la Creative Commons License, salvo dove espressamente specificato. Per maggiori informazioni consulta la pagina Copyright.

NEWSLETTER

Ultimi inserimenti nel Blog

Ultimi inserimenti nel Forum

Libri di servizio sociale

RSS

Ricerca sul web

Novità, Avvisi, Utilità

La cooperazione sociale

E’ la legge n.381/1991 che regola le cooperative sociali. Tale legge permette di distinguere nel settore cooperativo una forma cooperativa specifica con finalità solidaristiche anziché mutualistiche, inoltre viene riconosciuta a tali soggetti, da quel momento in poi, di iscriversi all’albo delle cooperative. A quelle organizzazioni che "hanno lo scopo di perseguire l’interesse generale della comunità alla promozione umana e all’integrazione dei cittadini" (art. 1).

L’interesse generale della comunità viene perseguito attraverso:

Art 1. Ne scaturiscono 2 tipi di cooperative sociali:
quelle cosiddette di tipo a) - che si occupano dei servizi socio- assistenziali ed educativi e quelle di tipo b)- che svolgono attività produttive diverse con la finalità di inserire al lavoro persone appartenenti a categorie svantaggiate.

Questo secondo tipo di cooperativa ha vantaggi dal punto di vista previdenziale perché non paga i contributi per tutti i lavoratori appartenenti a categorie svantaggiate, questi ultimi devono però essere presenti nella cooperativa con un tasso superiore al 30% della forza lavoro impiegata.
Inoltre sia le cooperative di tipo a che le cooperative di tipo b possono avvalersi del contributo di soci-volontari, in altre parole di personale che presta spontaneamente e gratuitamente il suo lavoro. Questi ultimi non possono però superare la quota del 50% dei soci della cooperativa.

In un contesto nel quale la cooperazione e il suo principio organizzativo della mutualità vengono riconosciute come strumenti promotori di socialità (art.45 della Costituzione), la legge n.81/1991 apporta diversi contributi concettuali innovativi in primo luogo comporta un’innovazione nella definizione del concetto di cooperativa, attraverso il superamento del principio della mutualità: non si limita più lo scopo della cooperativa al perseguimento mutualistico degli interessi dei soci, ma si riconosce legittimità al perseguimento da parte di un ente non pubblico di "interessi generali", operando un passaggio dalla mutualità alla solidarietà. Interessante è anche il riferimento all’interesse generale della comunità; non si tratta solo dunque degli interessi dei non soci della cooperative ma dell’interesse dell’intera comunità che dovrebbe rappresentare l’ambito primario dell’azione delle cooperative.

Uno dei punti critici di questa legge che evitando di porre il vincolo di non distribuzione degli utili ha conservato un’idea tipica della cooperazione ma ha generato un soggetto di terzo settore ibrido che non ha mancato di porre difficoltà e confusioni anche nelle normative susseguenti sul terzo settore. Come nel caso del decreto del n.460/97, che ha dichiarato di diritto le cooperative sociali ONLUS generando così un ibrido una Onlus con facoltà di distribuire profitti.

Dopo più di dieci anni di applicazione della legge n.381/91, il fenomeno delle cooperative sociali ha avuto un notevole successo dimensionale; è aumentato notevolmente il numero delle cooperative così come il numero complessivo di soci. Ma soprattutto in larga parte del nostro paese la cooperazione sociale è divenuta il principale interlocutore delle pubbliche amministrazioni per l’esternalizzazione dei servizi di cura.
E’ anche un soggetto politico di un certo rilievo nel dibattito sullo stato sociale contemporaneo così come si propone quale fattore credibile di progettazione e d’innovazione di servizi di Welfare Italiano.


Indice
A cura di:
Marta Caligiuri
Creation date : 2007-05-06 - Last updated : 2010-03-10

Spazio libero per la tua pubblicità,
contattaci »