Questo sito utilizza diversi tipi di cookie, sia tecnici sia quelli di profilazione di terze parti, per analisi interne e per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze manifestate nell'ambito della navigazione.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Se chiudi questo banner o prosegui la navigazione acconsenti all'uso di tutti cookie.

| |

Spazio libero per la tua pubblicità,
contattaci »


Mettete un segnalibro a questa risorsa! (è sufficiente andare sul logo per vedere il nome del servizio):


BlinkList: AssistentiSociali.org Blogger: AssistentiSociali.org Bloggers: AssistentiSociali.org Blogrolling: AssistentiSociali.org co.mments: AssistentiSociali.org Connotea: AssistentiSociali.org
Del.icio.us: AssistentiSociali.org De.lirio.us: AssistentiSociali.org Digg: AssistentiSociali.org Furl: AssistentiSociali.org Google: AssistentiSociali.org LinkaGoGo: AssistentiSociali.org
Ask Italia: AssistentiSociali.org YahooMyWeb: AssistentiSociali.org Ma.gnolia: AssistentiSociali.org Onlywire: AssistentiSociali.org Segnalo: AssistentiSociali.org Smarking: AssistentiSociali.org
Slashdot: AssistentiSociali.org Taggly: AssistentiSociali.org Technorati: AssistentiSociali.org Windows Live: AssistentiSociali.org Facebook: AssistentiSociali.org

Una nuova risorsa per gli assistenti sociali: una raccolta di siti selezionati, legati al mondo del sociale e divisi per categoria.

SocialDIR
Segnala gratis il tuo sito!

Scopri come seguendo questo link »
petizione per la tutela dell'immagine pubblica degli assistenti sociali

AssistentiSociali.org si fa promotore della petizione per la tutela dell'immagine pubblica degli assistenti sociali. Invitiamo tutti gli ospiti del sito a visitare la sezione relativa seguendo questo link.


Partner

I.T.A. Solution

Licenza del sito

Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.5 License.

Questo sito adotta la Creative Commons License, salvo dove espressamente specificato. Per maggiori informazioni consulta la pagina Copyright.

NEWSLETTER

Ultimi inserimenti nel Blog

Ultimi inserimenti nel Forum

Libri di servizio sociale

RSS

Ricerca sul web

Novità, Avvisi, Utilità

Per un servizio sociale trasformativo: approccio dell’agency e narrazione

«Infatti, in ogni azione ciò che è soprattutto inteso dall’agente,
sia che agisca per necessità naturale sia per libera volontà,
è rivelare la propria immagine;
da ciò segue che ogni agente, in quanto agisce, trae diletto dall’agire;
poiché ogni cosa che è desidera il suo essere,
e poiché nell’azione l’essere dell’agente è in certa misura più intenso
ne segue necessariamente un diletto...
Perciò nulla agisce se non per fare esistere il suo sé latente
»

Dante, De Monarchia, I, 13

Introduzione

Le trasformazioni epocali che stiamo vivendo ci pongono criticità inedite che chiedono di riconsiderare punti di vista, modelli interpretativi e modalità di intervento sociale che spesso sono stati ereditati perché espressione di buone pratiche, ma che altrettanto spesso appaiono carenti di formalizzazione e quindi sia di validazione, sia di trasmissibilità. Il modello centrato sui "bisogni" (need-led), p. es., ha mostrato quanto un approccio oggettivista sia inadeguato per "rimettere in moto" le persone verso l’obiettivo dell’autorealizzazione, insufficiente a "risolvere" il bisogno (David, Ellis e Rummery 1997), e perfino non in grado di sostenere l’assessment per valutare se fornire o meno un determinato servizio (Clayton 1983)1.
D’altra parte ancorare la valutazione al bisogno non mette al riparo da risposte meramente "amministrative" e burocratiche, come ha rilevato Gilbert Smith (1980)2 e Kemshall (1986)3, che ha studiato un’équipe di servizio sociale di distretto, ha mostrato che le decisioni sui bisogni erano il risultato delle reazioni quotidiane degli operatori ai problemi con cui si confrontavano, reazioni che, in seguito allo stabilirsi di un consenso dinamico all’interno dell’équipe, reinterpretavano continuamente le definizioni ufficiali dei bisogni fornite dalla normativa. Pur concepita nel riferimento a quanto c’è di comune nelle varie declinazioni del lavoro sociale, la riflessione che segue sarà focalizzata su alcuni "fondamentali" della professione - secondo l’approccio dell’agency e il paradigma discorsivo - tentando una descrizione del soggetto del welfare nella modernità radicalizzata e una definizione argomentata dell’oggetto cognitivo e dell’obiettivo specifici dell’intervento di servizio sociale. Questo a partire dall’assunzione del concetto di «competenza ad agire» (agency).



A cura di:
Luigi Colaianni
Creation date : 2007-11-13 - Last updated : 2009-12-18

Spazio libero per la tua pubblicità,
contattaci »