Questo sito utilizza diversi tipi di cookie, sia tecnici sia quelli di profilazione di terze parti, per analisi interne e per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze manifestate nell'ambito della navigazione.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Se chiudi questo banner o prosegui la navigazione acconsenti all'uso di tutti cookie.

| |

Spazio libero per la tua pubblicità,
contattaci »


Mettete un segnalibro a questa risorsa! (è sufficiente andare sul logo per vedere il nome del servizio):


BlinkList: AssistentiSociali.org Blogger: AssistentiSociali.org Bloggers: AssistentiSociali.org Blogrolling: AssistentiSociali.org co.mments: AssistentiSociali.org Connotea: AssistentiSociali.org
Del.icio.us: AssistentiSociali.org De.lirio.us: AssistentiSociali.org Digg: AssistentiSociali.org Furl: AssistentiSociali.org Google: AssistentiSociali.org LinkaGoGo: AssistentiSociali.org
Ask Italia: AssistentiSociali.org YahooMyWeb: AssistentiSociali.org Ma.gnolia: AssistentiSociali.org Onlywire: AssistentiSociali.org Segnalo: AssistentiSociali.org Smarking: AssistentiSociali.org
Slashdot: AssistentiSociali.org Taggly: AssistentiSociali.org Technorati: AssistentiSociali.org Windows Live: AssistentiSociali.org Facebook: AssistentiSociali.org

Una nuova risorsa per gli assistenti sociali: una raccolta di siti selezionati, legati al mondo del sociale e divisi per categoria.

SocialDIR
Segnala gratis il tuo sito!

Scopri come seguendo questo link »
petizione per la tutela dell'immagine pubblica degli assistenti sociali

AssistentiSociali.org si fa promotore della petizione per la tutela dell'immagine pubblica degli assistenti sociali. Invitiamo tutti gli ospiti del sito a visitare la sezione relativa seguendo questo link.


Partner

I.T.A. Solution

Licenza del sito

Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.5 License.

Questo sito adotta la Creative Commons License, salvo dove espressamente specificato. Per maggiori informazioni consulta la pagina Copyright.

NEWSLETTER

Ultimi inserimenti nel Blog

Ultimi inserimenti nel Forum

Libri di servizio sociale

RSS

Ricerca sul web

Novità, Avvisi, Utilità

Per un servizio sociale trasformativo: approccio dell’agency e narrazione

L’oggetto del servizio sociale prima parte

Quanto scritto si evince sia dalla letteratura scientifica e professionale, sia dalla ricerca sul campo; riporto in questa sede alcune evidenze nel merito della riflessione rintracciabile nella letteratura14: per esempio Fasolo in un suo scritto evidenzia la circolarità tra azione personale, accesso alle risorse e intervento sociale, e tra risorse e diritti, senza per altro definirne gli aspetti specifici:
[...] nell’ambito di tali funzioni il «quadro ideologico di riferimento» era quello di agire per compensare gli squilibri del sistema, sia favorendo l’uso e lo sviluppo delle risorse assistenziali necessarie, sia aiutando le strutture e gli individui a comprendere e fare propri gli ideali di giustizia e dignità personale cui si ispiravano come cittadini parecchi fra i promotori del servizio sociale (Fasolo 1972, 20-22);

la descrizione processuale non fornisce una chiara formalizzazione che permetta di trasferire modelli e definizioni, ma produce una mera interpretazione personale. La difficoltà di pervenire a una definizione distinta, precisa e semplice del ruolo dell’assistente sociale a partire dall’oggetto del suo lavoro è condivisa da Florea che lo considera
[...] come qualcosa di nuovo rispetto a scienze e professioni che si prendono come punto di riferimento e paragone, difficile da definire poiché oggetto del suo interesse è l’essere umano in una visione unitaria dei diversi aspetti caratterizzanti la sua individualità insieme con il sistema di relazioni che egli stabilisce con gli altri individui e con le strutture e le istituzioni sociali (Florea 1965, 5)15

Scrivere che l’oggetto dell’intervento è "l’essere umano", sia pure esso collocato nella propria rete relazionale, appare insufficiente alla riflessione tanto da permettere una chiara e decisa collocazione nel ruolo. Altri punti di vista critici considerano il ruolo sociale giocato dal servizio sociale nella relazione tra persona (e in particolare i suoi "bisogni") e il contesto, rappresentandolo tramite l’allegoria della
[...] rammendatrice delle sfilacciature più vistose e irritanti del sistema capitalistico, ma una rammendatrice con scarso potere, dato che la sua arma principale è soprattutto il dialogo con gli assistiti (Mulazzini et Al. 1971, 65)16.

La figura retorica della «rammendatrice» sfugge il problema della definizione dell’oggetto, in quanto propone una mera critica ad un supposto ruolo sociale dell’assistente sociale; tuttavia Mulazzini esplicita un aspetto cruciale, che riprenderò più avanti, che mi induce a pensare che la consapevolezza pratica - che per altro ho incontrato nelle mie ricerche da parte dei professionisti intervistati - non si sia congiunta con una piena consapevolezza narrativa (Giddens 1994): la dimensione dialogica descritta dall’autore è densa di conseguenze pratiche e teoriche, purtroppo non sviluppate e lasciate in nuce. La definizione che segue ha molti pregi metodologici, ma sfugge anch’essa alla questione nello scrivere di
[...] una funzione che si può definire di "anello di congiunzione" tra gli utenti, in quanto soggetti che esprimono un bisogno, e la comunità e le istituzioni, come ambiti deputati a fornire una risposta (Campanini 1999, 23).

Più di recente Costanza Marzotto (2002) nella sua introduzione a un libro collettaneo pone gli interrogativi a cui il testo intende rispondere, rilevando come il dibattito e la ricerca si siano focalizzati su aspetti modali e spesso su metodi importati da altre discipline e da altri domini, trascurando l’approfondimento su quanto di specifico appartiene al servizio sociale:
Fino a oggi abbiamo potuto usufruire della descrizione dei modelli d’intervento di servizio sociale (sistemico, psicoanalitico, esistenziale, ecologico, centrato sul compito, comportamentista, psicosociale, funzionale etc.) ma è giunto il momento di riflettere sui saperi pratici propri dell’assistente sociale per ricollocare la posizione del soggetto e per riconoscerne le azioni ricorrenti che ne definiscono l’identità.
In particolare il presente volume prende le mosse da alcuni interrogativi specifici ai quali vorremmo cercare di dare alcune iniziali risposte e che potremmo così formulare:

[...] Lo sforzo avviato nel 1991 dopo il Convegno di Trieste, documentato nell’importante volume a cura di Silvana Giraldo ed Edda Riefolo (1996)17 ha ben evidenziato che non è a livello dell’individuazione dei modelli (spesso debitori ad altre teorie) che merita alimentare il dibattito, bensì a livello della «costruzione di una teoria del servizio sociale», allo scopo di evidenziarne le peculiarità e «verificarne la congruenza con gli obiettivi e i valori della professione» (Marzotto 2002, 15-16).

Tuttavia il bersaglio è ancora una volta eluso: l’autrice raccoglie nel testo quanto di meglio si è prodotto circa la natura relazionale del servizio sociale; d’altra parte, sia pure con un’interrogazione retorica, sfugge all’identificazione dell’oggetto, indicando al suo posto ora aspetti metodologici (la presa in carico, la formulazione della domanda e la sua decodifica), ora un ambito tanto generale da rischiare di diventare generico: molte sono le discipline e le professioni che agiscono nello spazio «virtuale» proposto e tutto sommato nelle «relazioni umane in quanto tali»18:
All’inizio della nostra ricerca avevamo ben chiaro che al servizio sociale competono due oggetti: «la formulazione della domanda» da parte di molteplici soggetti singoli o comunitari quali ad esempio persone in difficoltà, famiglie isolate, gruppi devianti, associazioni per il mutuo aiuto, o altro e «la presa in carico»... Oggi possiamo aggiungere che l’oggetto peculiare del servizio sociale sono le relazioni, i nessi, i legami tra le persone, tra i componenti di un organismo, tra i gruppi, cioè potremmo definirlo un oggetto «virtuale» riconducibile allo spazio tra... Ancora: il suo oggetto è il bisogno (o meglio la persona in condizione di bisogno) o sono le relazioni umane in quanto tali? (Marzotto 2002, 17).



A cura di:
Luigi Colaianni
Creation date : 2007-11-13 - Last updated : 2009-12-18

Spazio libero per la tua pubblicità,
contattaci »