Questo sito utilizza diversi tipi di cookie, sia tecnici sia quelli di profilazione di terze parti, per analisi interne e per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze manifestate nell'ambito della navigazione.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Se chiudi questo banner o prosegui la navigazione acconsenti all'uso di tutti cookie.

| |

Spazio libero per la tua pubblicità,
contattaci »


Mettete un segnalibro a questa risorsa! (è sufficiente andare sul logo per vedere il nome del servizio):


BlinkList: AssistentiSociali.org Blogger: AssistentiSociali.org Bloggers: AssistentiSociali.org Blogrolling: AssistentiSociali.org co.mments: AssistentiSociali.org Connotea: AssistentiSociali.org
Del.icio.us: AssistentiSociali.org De.lirio.us: AssistentiSociali.org Digg: AssistentiSociali.org Furl: AssistentiSociali.org Google: AssistentiSociali.org LinkaGoGo: AssistentiSociali.org
Ask Italia: AssistentiSociali.org YahooMyWeb: AssistentiSociali.org Ma.gnolia: AssistentiSociali.org Onlywire: AssistentiSociali.org Segnalo: AssistentiSociali.org Smarking: AssistentiSociali.org
Slashdot: AssistentiSociali.org Taggly: AssistentiSociali.org Technorati: AssistentiSociali.org Windows Live: AssistentiSociali.org Facebook: AssistentiSociali.org

Una nuova risorsa per gli assistenti sociali: una raccolta di siti selezionati, legati al mondo del sociale e divisi per categoria.

SocialDIR
Segnala gratis il tuo sito!

Scopri come seguendo questo link »
petizione per la tutela dell'immagine pubblica degli assistenti sociali

AssistentiSociali.org si fa promotore della petizione per la tutela dell'immagine pubblica degli assistenti sociali. Invitiamo tutti gli ospiti del sito a visitare la sezione relativa seguendo questo link.


Partner

I.T.A. Solution

Licenza del sito

Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.5 License.

Questo sito adotta la Creative Commons License, salvo dove espressamente specificato. Per maggiori informazioni consulta la pagina Copyright.

NEWSLETTER

Ultimi inserimenti nel Blog

Ultimi inserimenti nel Forum

Libri di servizio sociale

RSS

Ricerca sul web

Novità, Avvisi, Utilità

Per un servizio sociale trasformativo: approccio dell’agency e narrazione

Verso un servizio sociale trasformativo

Tale processo di trasformazione epocale richiede una nuova declinazione del servizio sociale come prassi operativa disciplinata - al pari di altre professioni che si muovono in un ambito di produzione discorsiva - e uno sforzo di formalizzazione che permetta di definire in maniera stipulativa, ma anche univoca il suo oggetto cognitivo e performativo e quindi l’obiettivo operativo proprio della professione. Secondo il modello dell’organizzazione dell’azione (professionale) siamo in sua presenza quando siano contestualmente presenti:

Quanto più definito appare l’obiettivo-terzo, tanto più semplice sarà la collocazione nel ruolo del professionista, tanto più la matrice organizzativa produrrà efficacia. Il ruolo della formazione, ad esempio, è proprio quello di formare le competenze di ruolo - definite come tutto ciò che rende possibile al professionista di anticipare scenari possibili, ma che non sono ancora dati - che permettano a questo di collocarsi (o di ri-collocarsi) in esso. Le così dette "capacità" appaiono in questo approccio solo ancillari alle competenze e comunque non sono trasferibili: esse guardano al passato e possiamo definirle come tutto ciò che si è appreso nell’esperienza ed appare individuale; le competenze, invece, guardano al futuro e sono trasferibili come aspetti esclusivi del ruolo specifico. Per definire il ruolo professionale in modo tale che sia comune a tutti i professionisti, bisogna guardare non alla "percezione" della identità professionale, bensì alla formalizzazione dell’oggetto cognitivo e dell’obiettivo "terzo". Se questi appaiono poco o affatto definiti, poiché l’azione non sopporta il vuoto, ciascuno farà fronte a tale carenza con le proprie teorie personali ed individuerà obiettivi virtuali, quindi differenti da operatore a operatore; all’identità di ruolo - una eguale per tutti, come appare evidente p.es. nel caso dei medici - subentrerà allora l’identità personale e quindi non si farà più riferimento alle competenze, bensì alle mere capacità, ovvero a quanto fa parte della propria singolare esperienza. Conseguentemente risulta critico potere confrontare le prassi ed anche il linguaggio professionale diventa ambiguo e polisemico (pensiamo ai concetti di "disagio", "bisogno", "risorsa").

Altre professioni ascritte tra le professioni di aiuto - sia pure cliniche, come la medicina e, in tempi più recenti, la psicologia clinica - hanno compiuto questo percorso che permette ai professionisti una rapida condivisione di termini, linguaggio e definizioni. Il servizio sociale, invece, anche se appare di più antica nascita, rispetto p.es. alla psicologia (il primo assetto formativo degli psicologi in Italia risale appena all’inizio degli anni settanta), d’altra parte non ha potuto disporre negli anni passati di una condivisa definizione del proprio assetto epistemologico e paradigmatico e questo anche a livello internazionale.



A cura di:
Luigi Colaianni
Creation date : 2007-11-13 - Last updated : 2009-12-18

Spazio libero per la tua pubblicità,
contattaci »