Questo sito utilizza diversi tipi di cookie, sia tecnici sia quelli di profilazione di terze parti, per analisi interne e per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze manifestate nell'ambito della navigazione.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Se chiudi questo banner o prosegui la navigazione acconsenti all'uso di tutti cookie.

| |

Spazio libero per la tua pubblicità,
contattaci »


Mettete un segnalibro a questa risorsa! (è sufficiente andare sul logo per vedere il nome del servizio):


BlinkList: AssistentiSociali.org Blogger: AssistentiSociali.org Bloggers: AssistentiSociali.org Blogrolling: AssistentiSociali.org co.mments: AssistentiSociali.org Connotea: AssistentiSociali.org
Del.icio.us: AssistentiSociali.org De.lirio.us: AssistentiSociali.org Digg: AssistentiSociali.org Furl: AssistentiSociali.org Google: AssistentiSociali.org LinkaGoGo: AssistentiSociali.org
Ask Italia: AssistentiSociali.org YahooMyWeb: AssistentiSociali.org Ma.gnolia: AssistentiSociali.org Onlywire: AssistentiSociali.org Segnalo: AssistentiSociali.org Smarking: AssistentiSociali.org
Slashdot: AssistentiSociali.org Taggly: AssistentiSociali.org Technorati: AssistentiSociali.org Windows Live: AssistentiSociali.org Facebook: AssistentiSociali.org

Una nuova risorsa per gli assistenti sociali: una raccolta di siti selezionati, legati al mondo del sociale e divisi per categoria.

SocialDIR
Segnala gratis il tuo sito!

Scopri come seguendo questo link »
petizione per la tutela dell'immagine pubblica degli assistenti sociali

AssistentiSociali.org si fa promotore della petizione per la tutela dell'immagine pubblica degli assistenti sociali. Invitiamo tutti gli ospiti del sito a visitare la sezione relativa seguendo questo link.


Partner

I.T.A. Solution

Licenza del sito

Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.5 License.

Questo sito adotta la Creative Commons License, salvo dove espressamente specificato. Per maggiori informazioni consulta la pagina Copyright.

NEWSLETTER

Ultimi inserimenti nel Blog

Ultimi inserimenti nel Forum

Libri di servizio sociale

RSS

Ricerca sul web

Novità, Avvisi, Utilità

Le fasi della formazione

Quale dovrebbe essere la condizione ottimale di inizio di una programmazione della formazione? Secondo Gagnè il modo migliore per progettare formazione è lavorare all’indietro (work backwards), partendo cioè dai risultati che si vogliono ottenere (Gagnè R.M., 1973). Si badi bene: non che cosa si vuole fare, ma a che cosa mira quello che si vuole fare. In questo è necessariamente compreso ciò che può essere deciso dal singolo docente, ma anche, come capita di norma, tutto ciò che sia già indirizzato da scelte operate a livello più generale.

Tale considerazione è il punto di partenza di una corretta programmazione o progettazione formativa. Essa è infatti un processo unitario che si compone di vari momenti, o fasi. Sono state elaborate molte versioni di queste fasi, anche in rapporto al diverso livello di progettazione ipotizzata, ma si trovano in maniera ricorrente momenti particolarmente rilevanti, quali uno stadio di indagine sulla situazione formativa dei discenti, una fase di elaborazione e definizione di cosa si intende raggiungere, un momento di elaborazione di come lo si vuole raggiungere, un momento infine di verifica di ciò che è stato fatto fino a quel punto (Amietta P.L., 1991b). In base al risultato di questa verifica, il processo può sostanzialmente riprendere in maniera circolare o interrompersi.

Raggruppati in questo modo i momenti chiave della programmazione sarebbero dunque quattro (Bramanti D., 1998):

  1. Analisi dei bisogni formativi, analisi delle risorse e dei vincoli;
  2. Definizione degli obiettivi;
  3. Progettazione dei percorsi: elaborazione di strumenti e metodi (didattici e di valutazione), definizione di contenuti e tempi;
  4. Verifica della corrispondenza degli esiti agli obiettivi posti in partenza.

Una volta abbozzati gli elementi portanti la programmazione della formazione possiamo entrare un po’ più nel dettaglio analizzandone gli elementi costitutivi. La parte però dedicata alla verifica e alla valutazione degli esiti formativi rispetto agli obiettivi preposti, in considerazione dell’importanza e della complessità del tema trattato, merita l’attenzione riservata ad un paragrafo specifico: il 4.2 del presente capitolo.


A cura di:
Paolo Pajer
Creation date : 2007-12-15 - Last updated : 2010-03-10

Spazio libero per la tua pubblicità,
contattaci »