Questo sito utilizza diversi tipi di cookie, sia tecnici sia quelli di profilazione di terze parti, per analisi interne e per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze manifestate nell'ambito della navigazione.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Se chiudi questo banner o prosegui la navigazione acconsenti all'uso di tutti cookie.

| |

Spazio libero per la tua pubblicità,
contattaci »


Mettete un segnalibro a questa risorsa! (è sufficiente andare sul logo per vedere il nome del servizio):


BlinkList: AssistentiSociali.org Blogger: AssistentiSociali.org Bloggers: AssistentiSociali.org Blogrolling: AssistentiSociali.org co.mments: AssistentiSociali.org Connotea: AssistentiSociali.org
Del.icio.us: AssistentiSociali.org De.lirio.us: AssistentiSociali.org Digg: AssistentiSociali.org Furl: AssistentiSociali.org Google: AssistentiSociali.org LinkaGoGo: AssistentiSociali.org
Ask Italia: AssistentiSociali.org YahooMyWeb: AssistentiSociali.org Ma.gnolia: AssistentiSociali.org Onlywire: AssistentiSociali.org Segnalo: AssistentiSociali.org Smarking: AssistentiSociali.org
Slashdot: AssistentiSociali.org Taggly: AssistentiSociali.org Technorati: AssistentiSociali.org Windows Live: AssistentiSociali.org Facebook: AssistentiSociali.org

Una nuova risorsa per gli assistenti sociali: una raccolta di siti selezionati, legati al mondo del sociale e divisi per categoria.

SocialDIR
Segnala gratis il tuo sito!

Scopri come seguendo questo link »
petizione per la tutela dell'immagine pubblica degli assistenti sociali

AssistentiSociali.org si fa promotore della petizione per la tutela dell'immagine pubblica degli assistenti sociali. Invitiamo tutti gli ospiti del sito a visitare la sezione relativa seguendo questo link.


Partner

I.T.A. Solution

Licenza del sito

Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.5 License.

Questo sito adotta la Creative Commons License, salvo dove espressamente specificato. Per maggiori informazioni consulta la pagina Copyright.

NEWSLETTER

Ultimi inserimenti nel Blog

Ultimi inserimenti nel Forum

Libri di servizio sociale

RSS

Ricerca sul web

Novità, Avvisi, Utilità

Valutare i risultati degli eventi formativi

A differenza di quanto si è detto dell’analisi dei bisogni, nel campo della valutazione dei risultati di un evento formativo si può ben dire di disporre di una letteratura piuttosto ampia e circostanziata e che occupa un arco di tempo ormai trentennale di indubbio significato (Boschi F., 1987; Giovannini M., 1995; Lipari D., 1995; Rizzo U., 1995; Quaglino G.P., 1998; Elia P., 2000).

Il mutamento della prospettiva che da anni ormai sta coinvolgendo il panorama degli studi sulla valutazione propone una costante crescita di importanza della dimensione qualitativa rispetto a quella quantitativa. L’osservazione qualitativa focalizza infatti l’attenzione sulla vita intera di un programma e comprende in modo più chiaro, ed agganciato al reale, quali dati quantitativi possano essere maggiormente rilevanti (Amietta P.L., Amietta F., 1989). La valutazione può definirsi in via generale come un’attività intesa a produrre ritorno di informazione (feedback) su un’azione o un evento. Nel contesto formativo, il termine è usato per identificare attività o procedure per la conoscenza degli effetti determinati dalle azioni formative. Il termine valutazione non è sinonimo di misurazione, bensì richiama l’idea del dare valore, cioè dell’attribuire significato a fatti, informazioni e dati. La misura rappresenta il parametro scelto per la rilevazione, mentre la valutazione è il processo qualitativo di classificazione, elaborazione e correlazione dei dati rilevati tramite la misura (Alessandrini G., 2001a). I dati prodotti dalla misurazione devono possedere le seguenti caratteristiche (Corbetta P., 1999):

I principali tipi di variabili e i loro livelli di misurazione sono brevemente riassunti nella seguente tabella (Corbetta P., 1999):

Tipo di variabile Stato di proprietà Operativizzazione permessa Operazioni possibili
Nominale Non ordinato Classificazione = gli strumenti della formazione diverso
Ordinale Ordinato Ordinamento = gli strumenti della formazione diverso > <
Cardinale Continuo Misurazione = gli strumenti della formazione diverso > < + - x :
Discreto Conteggio

Oltre alla dimensione delle variabili quantitative, è forse opportuno accennare ai criteri di definizione degli elementi qualitativi che è possibile identificare concretamente. Nessuno, da solo, è comunque in grado di rilevare la qualità di un evento formativo (Glasser P.H., 1972; Bertin G., 1996; Allegri E., 2000):

Indicatori Potenzialità     Limiti
Efficacia Indica la capacità di realizzare gli obiettivi.     Non informa sui fattori di distorsione della domanda.
Efficienza Indica la capacità di utilizzo delle risorse.     Non informa sulla capacità di risolvere i problemi.
Equità Indica la capacità di intervenire proprio nelle condizioni peggiori.     Non informa sulla capacità di risolvere i problemi.
Soddisfazione Indica l’autopercezione dell’utente.     è influenzata dalla presenza di stereotipi, dalla difficoltà di scomporre i fattori di soddisfazione.
Appropriatezza   Indica la centratura dell’intervento rispetto al bisogno da soddisfare.     Ogni metodologia tende a sviluppare procedure più o meno standardizzate, ma spesso non comparabili.
Accessibilità Indica il tipo di distribuzione spaziale e temporale delle risorse e la sua compatibilità con gli obiettivi.     Difficoltà di rilevazione.

Il processo di valutazione inizia prima dell’intervento, quando si definiscono le attese, le scelte valoriali e le conseguenti modalità di esecuzione del progetto. Se manca il quadro dei cambiamenti attesi e come ottenerli, non sarà possibile fare una valutazione di efficacia (ma anche di efficienza) del tipo prima-dopo o valutare la qualità complessiva del processo formativo. Prima della valutazione deve essere attentamente espletata la verifica, che è la fase durante la quale si acquisiscono le informazioni sui risultati ottenuti rispetto alle attese. Per poter verificare come sono andate le cose è necessario operativizzare il problema con alcune variabili osservabili, misurarle e assumere i loro valori come base di verità provvisoria. Ciò permette di attuare un controllo di qualità che può entrare nel merito dei risultati. La verifica può essere di varia natura e riguarda ogni aspetto della situazione definita come problema. è certamente una riduzione della realtà perché si basa su semplificazioni, cioè indicatori, che proprio per la loro natura di osservabilità e misurabilità segnalano l’esito raggiunto in termini numerici. La valutazione di qualità, pertanto, per essere tale va fondata sulla verifica (Diomede Canevini M., 1993).


A cura di:
Paolo Pajer
Creation date : 2007-12-15 - Last updated : 2010-03-10

Spazio libero per la tua pubblicità,
contattaci »